Home / Piggy the pig

Piggy the pig

Nasce negli anni 80 con ancora l'eco delle chiamate londinesi. Quando ci arriva a Londra è scoppiato il Brit-pop, intanto le urla del grunge scendono sotto pelle. Ama il vino rosse e le birre rosse, ascolta musica per non piangere ma a volte gli fa l'effetto contrario.

Kurt Vile, quanto è difficile essere hippy nell’epoca di Donald Trump

Bottle It In Kurt Vile

Recensione disco Kurt Vile – Ascoltate Bottle It In è capirete quanto è difficile essere un hippy-folk-sincero in giro per il mondo all’epoca di Donald Trump. Il nostro cantautore è un vecchio freak nella mente e un ottimo dirigente d’azienda nella testa. Vi basterà ascoltare la sua sconfinata discografia per darmi ragione

Leggi

LOVE, Thegiornalisti: quando parlarne male diventa troppo facile

tommaso-paradiso-love

Parlare male dei Thegiornalisti è troppo facile, troppi elementi portano in quella direzione: un cantante paraculo come pochi, dei testi che sembrano usciti usciti da una Smemoranda del 1990 (non quelli bellissimi di Gino & Michele, ma quelli proprio dell’ipotetico proprietario sedicenne della Smemo), un successo pazzesco, dischi in classifica, …

Leggi

Guè Pequeno, la recensione del nuovo album Sinatra

gue-pequeno-sinatra

Guè Pequeno, Sinatra –  Mettiamola così, c’è un party esclusivo in cui tutti sono vestiti di brillantini e paillettes e tu ti presenti in pigiama. Da un lato c’è l’essere evidentemente fuori luogo rispetto al contesto, dall’altro c’è tutta l’arroganza di chi sa di essere il numero uno Voto complessivo Voto …

Leggi

Sigur Rós, Route One è una splendida sperimentazione e (anche) un ricordo per Jóhann Jóhannsson

I Sigur Rós hanno sempre amato spostare un pò più avanti la linea di demarcazione di cosa sia rock e sperimentazione. Se già il loro esordio era stato un squarcio nel panorama musicale internazionale, dai risvolti inaspettati (tanto per dire Bratt Pitt che si dichiarava loro fan), nell’estate del 2016 …

Leggi

Florence and the Machine la recensione di High as Hope

high hope florence

Quando nel 2009 uscì in Inghilterra Lungs, primo album dei Florence and the Machine, nessuno gridò al miracolo ma l’album era convincente e potente. Fu chiaro immediatamente a tutti gli addetti ai lavori che dietro a questo nome composto si nascondevano musicisti dal lungo percorso e da una grandissima sensibilità/intelligenza. …

Leggi