novità dischi 2021, tre album italiani da non perdere

Novità musica 2021 – Tre dischi italiani da scoprire e amare per la nuova stagione 

Imprevedibilmente l’estate 2021 ci ha presentato una caterva di album belli usciti durante i mesi precedenti e in alcuni casi pochissime settimane fa. Fra le tante uscite non bisogna certo dimenticare quelle della discografia italiana, che in questo anno ci regalato ben più di qualche chicca. Ne abbiamo scelto tre, dischi di tre band che tra le altre si sono distinte particolarmente. Fate seguire alla lettura delle ore di sano ascolto. 

Studio Murena 

Band che nasce come acid jazz, ma che in realtà si arricchisce di suoni e colori che arrivano dall’Hip-Hop, dalla house anni novanta, dal rap, anche grazie all’ingresso nella band dl Mc Carma, voce che porta aggressività e impatto ma che non fa perdere l’ottimo percorso di ricerca, anzi. In questo ultimo album Studio Murena, il secondo, le canzoni diventano piccolo universi caleidoscopici, dove si possono intravedere tantissimi mondi musicali paralleli. Il sound creato dal quintetto è raffinato e avvolgente, per i più vecchi (quindi non certo i componenti della band) risulteranno facilmente riconoscibili le suggestioni dal mondo sonoro degli anni novanta, tra cui un confortante riferimento agli Arrested Development, ma è la sincerità del suono e della proposta che colpisce in questo secondo disco della band milanese. Tra le tracce sono davvero apprezzabili la malinconia fredda di Giorni dispari, l’alchimia di Utonian, la raffinatezza potente di Long John Silver. 

L’attimo del dubbio – Vol 1

Attratti da un’estetica pre-pulp, ricordatevi sempre che Tarantino si ispirò all’Italia per inventare il genere, questo power trio padovano ha raccolto immagini e suoni della tradizione poliziesca anni ‘70 per tirar fuori un primo album davvero pregevole di pezzi validi che potrebbero serenamente essere altrettante colonne sonore. Cinque brani che teletrasportano immediatamente in un mondo fatto di violenza e sadismo tipico della cinematografia cult italiana dei settanta. Qualcuno potrebbe storcere il naso e immediatamente richiamare alla memoria i Calibro 35: sarebbe un errore sia per l’intenzione della band sia per il risultato finale che va in direzione opposta. Se è vero infatti che con L’attimo del dubbio siamo in un clima cinematografico, il tipo di atmosfera è quella della club rock e della scena underground, con pezzi decisi che partono e arrivano subito al sodo senza perdersi in grandi arzigogoli. Un Ep ideale per passare mezz’ora di paura in cerca di un assassino su un’autostrada buia. 

Colombre – Corallo

Il più inglese tra i cantautori italiani, Colombre si conferma un’artista raffinato e intelligente, caratteristiche che gli permettono di distinguersi in maniera evidente dal resto della scena musicale italiana. Basta ascoltare la prima traccia del nuovo album Corallo per capire di cosa stiamo parlando. Fuori dagli schemi, Il sole non aspetta è una canzone che colpisce per la bella attitudine vocale e poi conquista con un’atmosfera un po’ alla Stranger things, pezzo che racconta bene che cosa succederà nei prossimi 32 minuti dell’album. Così scorrono pezzi dolci e più sereni insieme a brani più malinconici, tutti arricchiti da testi interessanti e profondi nonostante la metrica sia sempre quella della canzone pop. Ascoltate Crudele per scoprire come si può scrivere una canzone cinica senza perdere la poesia, rimanendo però attaccati alla realtà. 

Su Piggy the pig

Nasce negli anni 80 con ancora l'eco delle chiamate londinesi. Quando ci arriva a Londra è scoppiato il Brit-pop, intanto le urla del grunge scendono sotto pelle. Ama il vino rosse e le birre rosse, ascolta musica per non piangere ma a volte gli fa l'effetto contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.