Home / Recensioni / Dischi / Young Signorino è in un video porno (a sua insaputa)
young signorino alfabeto

Young Signorino è in un video porno (a sua insaputa)

Young Signorino è il nuovo fenomeno della musica italiana e allo stesso tempo è il tipico prodotto web da cancellare dalla cronologia. Perché la sua musica è prima di tutto pornografia, fatta su misura per noi. La vera domanda, però, è: ma lui se n’è accorto?

Avendo una rubrica di musica è evidente che tutti gli amici mi chiedano un parere sul “fenomeno” dell’estate, o meglio della primavera, ovvero Young Signorino. Più strano l’interesse dei miei redattori che mi hanno chiesto di commentare la faccenda. Quando lo hanno fatto, saranno state le diverse birre che stavamo scolando, ho reagito con un piccolo singhiozzo ma poi per il famoso ritornello pecunia non olet, ho digerito la situazione e mi sono messo a scrivere.

Che volete che vi dica su Young Signorino? A me piace, certo non come quando ascolto i Beach Boys o Jack White, eppure in senso diverso, mi piace. O almeno mi diverte, fino ad un certo punto. Ecco l’articolo parte fondamentalmente dal certo punto.

Per chi non avesse seguito la vicenda, faccio un breve riassunto assolutamente parziale e impreciso, come mio solito.

Qualche mese fa esce questo video, molto bello tra l’altro, curatissimo e stilosissimo, in cui questo ragazzetto magretto compare con vari vestiti firmati a parlottare una filastrocca che fa più o meno “alfa-alfa-beta-beta” ecc ecc.

Dopo che i più scrupolosi avevano appurato che non si trattasse del discorso di uno dei ministri scelti dall’attuale governo, è stato finalmente chiaro che stava nascendo una stella della provocazione web. Personalmente sono arrivato a distanza di qualche settimana dalla primissima uscita del personaggio Young Signorino grazie ad una cover al pianoforte (stellare, tra l’altro) di Dolcenera del pezzo poc’anzi citato (la trovate in coda all’articolo). Un video perfetto, con qualche debito alle réclame d’abbigliamento più cheap e una canzone buona per far incazzare i puristi (quelli che poi ascoltano i Bon Jovi per intenderci, mica Brahms).

Boom! Scoppio di visualizzazioni, gli zeri si moltiplicano più delle cadute di Neymar.

La storia non finisce, a quel punto la televisione lo invita, i giornali ne scrivono e lui butta fuori altri pezzi in cui la vicinanza con la penna di Leopardi non si nota ancora, ma poco importa. Tutti i suoi brani catturano un pubblico grandissimo di giovani e non giovanissimi. Piccolo inciso professionale: fatico a dire quanti pezzi abbia fatto uscire Young Signorino perchè sia il suo YouTube che il suo Spotify sono molto disordinati, come del resto mi pare giusto per un progetto così (apparentemente) spontaneista. Tornando a bomba: Young Signorino incanala visualizzazioni su visualizzazioni grazie anche a dissing (fantastico quello con Gemitaiz) e uscite situazioniste (al concerto a Roma non si presenta, ad un altro si fa tirare in faccia un bicchiere).

Bene quindi a questo punto la domanda pare chiara, stiamo parlando di musica?

No, stiamo parlando di un progetto commerciale studiato a tavolino, in cui l’eletto prescelto per incarnare questo maledetto da Mac Donald’s conta come il due di picche se giochi a backgammon.

Se pensate che l’uscita sul figlio di Satana sia sensata (almeno come dichiarazione) o che i pezzi siano nati a caso (Danza dell’ambulanza è prodotta dal quel genietto di Big Fish) beh alle prossime elezioni vi converrebbe votare il partito di Odino, almeno lui i mostri di ghiaccio li ha eliminati davvero.

Ma tutto questo non è interessante e di sicuro io non voglio ingrossare le file dei moralisti che condannano un esperimento, secondo me riuscito, di provocazione verbale e perfomativa.

Quello che mi preoccupa è un altro aspetto, ma la prendo da lontano.

Chi di voi ha visto quel capolavoro di documentario di Gola profonda, ricorderà la vita sconclusionata dell’attrice protagonista Linda Lovelace. Bene questa attrice dalla vita piuttosto travagliata (dopo alcuni film pornografici si ritirò su posizioni femministe e cattoliche salvo poi ritornare al porno molti anni dopo) è il simbolo di quello in cui può trasformarsi una battaglia trasgressiva senza averne i mezzi per potersela gestire. Mi spiego, per essere dei rivoluzionari, dei ribelli, dei trasgressivi, bisogna avere stoffa e sopratutto palle quadrate. Reggere il peso della provocazione, se non si hanno delle basi culturali e sociali è impossibile, si diventa vittime di un meccanismo pornografico di osservazione dell’essere umano mentre soccombe. Per chi ha visto il video in cui viene tirato un bicchiere in faccia a Young Signorino durante un concerto, avrà notato che la reazione non è quella di un duro o invece di un asceta, o anche semplicemente di un burlone che trascina tutto in farsa. No, in quel video Young Signorino è smascherato, è nudo, è un bambino a cui hanno detto che nessuno gli vuole bene.

In questo senso Young Signorino è a sua insaputa un film porno, anche fatto bene per carità, ma di cui lui è il protagonista di un voyeurismo da parte del pubblico assetato di sangue che vuole vedere quanto è matto il buffone di corte.

Volete un esempio pratico che vi dimostri che il fenomeno Young Signorino è pornografico? Quanti di voi sono andati a vedere i suoi video? Tutti, esattamente tutti (20 milioni di visualizzazioni su youtube non sono briciole). Quanti “fingono” di non conoscerlo o di aver solo “intravisto” qualcosa di suo? Tutti, esattamente tutti.

Young Signorino dopo Youporn è la cosa più cancellata dalle cronologie dei nostri portatili. Pornografia, non musica. Pornografia, non provocazione.

Il problema è che in questo caso il protagonista non credo sia sicuro di sapere dove sta recitando.

Young Signorino è in un video porno (a sua insaputa) ultima modifica: 2018-07-23T14:32:52+00:00 da Piggy the pig

Su Piggy the pig

Nasce negli anni 80 con ancora l'eco delle chiamate londinesi. Quando ci arriva a Londra è scoppiato il Brit-pop, intanto le urla del grunge scendono sotto pelle. Ama il vino rosse e le birre rosse, ascolta musica per non piangere ma a volte gli fa l'effetto contrario.

Può interessarti

copertina hotel califano

Hotel Califano, la recensione del nuovo disco di Leo Pari

Il rischio per il bel disco di Leo Pari è che qualcuno poco interessato alla …

Lucia Manca Maledetto & Benedetto – La #Minirecensione

Un disco che sorprende quello di Lucia Manca, album apre e chiude un discorso in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.