Home / Recensioni / Dischi / Tool – Fear Inocolum

Tool – Fear Inocolum

Dopo tredici anni di assenza dal mercato, i Tool tornano in splendida forma e danno una lezione al mondo di cosa sia il rock e di come si possa fare arte al tempo dell’ascolto in streaming

Fear Inocolum disegna una band futurista eppure profondamente ancorata nella storia del rock e fa piacere, con questa consapevolezza, andare a leggere i primi risultati ottenuti dall’ultimo lavoro dei Tool.

Con un colpo davvero imprevedibile i Tool hanno sbaragliato la concorrenza in cima alla classifica americana vendendo 270.000 copie contro la (quasi) metà dei principali competitor, valer a dire Lana del Rey e Taylor Swift. Spiega Billboard tra l’altro che le copie vendute di Fear Inocolum sono fisiche (almeno la maggior parte) e non legate a nessuna promozione disco-biglietto come ormai molte band devono fare per poter vendere un numero sufficiente di copie per pagare la produzione.

Insomma difficile scommettere fino a qualche mese che una delle band più cupe, certo anche più originali, degli anni novanta sarebbero arrivate a questo successo straordinario con un disco dopo tredici anni di silenzio. Di cosa è fatto questo successo? Beh non servono grandi analisi per capirlo, basta ascoltarlo.

Già dalle prime note la band di Los Angeles si capisce che in questi dodici anni i componenti della band hanno ascoltato musica, digerito generi e mode e sono arrivati in maniera autonoma ed originale ad una sintesi splendida tra classico e contemporaneo nel mondo del rock.

A tal proposito Fear Inocolum, che apre il disco, è un pezzo già straordinario con una evidente sonorità nu-metal ma con delle linee melodiche e degli arrangiamenti davvero originali e stimolanti. Pneuma ci fa capire di essere un disco colto dove addirittura emerge lo spirito di Seattle, ma è con Litanie contre la peur pezzo strumentale dalle scale orientali che si capisce di essere su una splendida astronave multicolore. Invincibile toglie ogni dubbio con la sua andatura trattenuta e ostinata. Legion Inocolum è il secondo intramezzo strumentale, allucinato ed elettronico, come la solitudine desolante di Descending, pezzo successivo.

Culling voices ha una bella apertura di sinth che congelerebbe anche le ossa di uno zombie, poi la chitarra riporta tutto ad una visione più umana della faccenda. Chocolate chip trip è industrial come le strade di Los Angeles di notte, 7empest riporta tutto vicino al cuore.

Chiude Mokingbeat è l’ambiente rimanda tanto A L’esercito delle 12 scimmie un futuro che speriamo di non doverci augurare. I Tool sono tornati e con loro la possibilità di fare dischi rock con una visione, un sentimento e anche, per fortuna, successo commerciale.

Certo se i War on drugs hanno un paio di anni fa aperto alla domanda se sia possibile fare rock ai tempi della trap i Tool col loro successo pongono un altro dubbio: bisogna fare cose proprio brutte e senza anima per entrare in classifica? La risposta all’ardua sentenza ai posteri, per dovere diciamo anche però che al terzo posto della classifica americana si trova in questo momento Lana del Rey con un album tutt’altro che scontato come Norman Fucking Rowell!

Ascolta Fear Inoculum su Spotify!

Tool – Fear Inocolum ultima modifica: 2019-09-13T07:24:32+02:00 da Piggy the pig

Su Piggy the pig

Avatar
Nasce negli anni 80 con ancora l'eco delle chiamate londinesi. Quando ci arriva a Londra è scoppiato il Brit-pop, intanto le urla del grunge scendono sotto pelle. Ama il vino rosse e le birre rosse, ascolta musica per non piangere ma a volte gli fa l'effetto contrario.

Può interessarti

Liberato, genio creativo tra trap e neomelodico

Liberato: potenza creativa tra il neomelodico e la trap

Quando nel 2017, “Nove maggio”, primo singolo di Liberato, venne alla luce, fu una rivoluzione …

Ballate per uomini e bestie

Ballate per uomini e bestie, il nuovo disco di Vinicio Capossela

Il miglior titolo per questo articolo, giocando con l’attualità televisiva, potrebbe essere di certo: e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.