Einaudi

Einaudi

L’emblema dello struzzo che contraddistingue le edizioni Einaudi è stato ereditato dalla rivista «La Cultura» di cui Giulio Einaudi fu l’ultimo editore, prima che il regime fascista la sopprimesse nel 1935. Ma l’origine del logo risale a prima del 1574, anno in cui fu pubblicato nel volume Dialogo delle imprese militari et amorose di Monsignor Paolo Giovio. Il libro è una raccolta di simboli e motivi allegorici (le “imprese”), che Giovio stesso ideava su commissione per i Signori e i Capitani che li facevano ricamare sulle bandiere e sulle livree delle proprie Compagnie. L’immagine dello struzzo è stata ideata da Giovio per “l’impresa” di Girolamo Mattei Romano «capitan de’ cavalli della guardia di Papa Clemente, huomo risoluto e d’alto pensiero, e d’animo deliberato». Mattei, che aveva aspettato con pazienza e perseveranza il momento per vendicare l’uccisione del fratello, aveva chiesto a Monsignor Giovio di ideargli un emblema «significante ch’un valoroso cuore hà forza di smaltire ogni grave ingiuria», è questo il senso originario del motto «Spiritus durissima coquit» che accompagna l’immagine dello struzzo.

Del logo originario esiste una diversa e raffinata versione disegnata da Giacomo Manzù nel 1961, in occasione della pubblicazione per la Giulio Einaudi editore di una raccolta di sue riproduzioni in edizione limitata: i Quarantun disegni di Giacomo Manzù.

La collana Einaudi Tascabili ha come logo uno struzzo che corre, privo del motto. Si tratta di un disegno realizzato da Picasso che ne fece dono a Giulio Einaudi nel 1951, in occasione di una visita dell’editore nella sua residenza di Antibes. In quel periodo Picasso stava completando le illustrazioni per un’edizione francese delle Storie naturali di Georges-Louis Leclerc de Buffon. Tra le immagini figurava anche questo struzzo che piacque moltissimo a Einaudi e che Picasso volle regalargli nella sua versione originale.

Nell’ottobre 2000, in occasione della fiera di Francoforte, è stato presentato un nuovo struzzo d’artista realizzato da Giulio Paolini. La bellissima interpretazione di Paolini del marchio Einaudi mostra uno struzzo stilizzato contenente quello originario, come ad indicare che l’innovazione della casa editrice conserva comunque una continuità con la propria tradizione.

Giulio Einaudi editore
Via Biancamano, 2
10121 Torino
http://www.einaudi.it/

Recensioni Einaudi

La-città-dei-vivi---Nicola-Lagioia

La città dei vivi – Nicola Lagioia

La città dei vivi di Nicola Lagioia è sicuramente destinato a far parlare di sé, per la bellezza con cui è composto, per gli interrogativi che pone, ma di certo è anche un testo duro da accettare, da sentire. La città dei vivi di Nicola Lagioia Ci sono notizie in grado di sconvolgere il quotidiano …

0 comments
Chiedi-alla-polvere---John-Fante

Chiedi alla polvere – John Fante

In Chiedi alla polvere di John Fante, Arturo Bandini racconta un ritaglio di vita in cui, nel lato sbagliato di Los Angeles, si dimena cercando il successo come scrittore, tra amori sbagliati e un dio dai contorni sfumati. Fante trova ritmo in una narrazione che sfuma il racconto in stati d’animo e viceversa. Chiedi alla …

0 comments
Addio a rossana rossanda

Addio a Rossana Rossanda, la recensione de La ragazza del secolo scorso

Quando uscì La ragazza del secolo scorso nel 2005 io iniziavo un’esperienza spiazzante nella mia vita: il confronto con la politica istituzionale in uno degli ultimi partiti a definirsi comunista. Da soggetto senza tessera alcuna, quel punto di osservazione mi servì per fomentare un innato senso di fastidio per la politica “di palazzo”, cioè quelle persone che …

0 comments
C’era l’amore

C’era l’amore. Brevi lezioni per innamorarsi con filosofia – Vittoria Baruffaldi

C’era una volta l’amore. Brevi lezioni per innamorarsi con filosofia di Vittoria Baruffaldi unisce personale e filosofico, mostrandoci tutti simili e vicini di fronte ai tranelli dell’amore. A che cosa serva la filosofia quando si parla d’amore? Una domanda destinata a rimanere senza risposta, forse per il bene sia della filosofia che dell’amore. C’era una …

0 comments
La misura del tempo - Gianrico Carofiglio

La misura del tempo – Gianrico Carofiglio

La misura del tempo di Gianrico Carofiglio ha un’ambizione alla meditazione teoretica prima che esistenziale e ci ricorda che il tempo della lettura non è quello della vita ma dell’immortalità, dell’universalità. La misura del tempo di Gianrico Carofiglio C’è in Carofiglio un gusto per la scrittura più antico di quello che lo stesso autore riconoscerebbe …

0 comments
Quando-lei-era-buona---Philip-Roth

Quando lei era buona – Philip Roth

Quando lei era buona di Philip Roth ha un ritmo serrato, con molti dialoghi a dettare i tempi delle vicende e dei sentimenti, permettendoci di assistere in presa diretta. Contiene anche molte riflessioni dei personaggi, in particolare quelle confuse e contraddittorie di Lucy. Tra durezza e ironia, spesso declinata in sarcasmo, si dipana una vicenda …

0 comments

Su Redazione

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.