Racconti

Alle volte ci piace uscire dal seminato. E qui raccogliamo i nostri deliri, ma anche quelli di chi vuole condividerli con noi

La matta

Ogni mattina, la matta, che poi si chiama Paola e ha un’età indefinita, segue sempre lo stesso percorso. Esce di casa, in via Carmagnola, prosegue per via Pollaiuolo, passa prima per via Porro Lambertenghi, poi supera via Borsieri arrivando fino in via Garigliano e infine svolta a destra verso piazzale …

Leggi

Prendi una donna

Prendi una donna - Racconto

Gemma era una donna sulla quarantina, i cui fianchi tondi e seni altrettanto generosi potevano ancora affascinare molti, ma le mancava la parlantina. Tutti questi anni sulle spalle si facevano sentire e lei non aveva più voglia di raccontarsi, di raccontare alla gente quello che vedeva di bello nel mondo. …

Leggi

La ragazza dell’aereo

La ragazza dell'aereo - Racconto

Il suo viso era di una bellezza orientale, aveva forse poco più di 20 anni e, nonostante l’età sembrava essere a suo agio con i voli transoceanici. Era vestita comoda, indossava una tuta, un trucco leggero e i capelli erano raccolti in una coda alta. Ricordo che arrivò al suo …

Leggi

Urgenza

Urgenza

Ecco, ha finito di parlare. Ed ora, come mi accade sempre più spesso ultimamente, sono davanti alla scelta: dirglielo o non dirglielo? Esprimere i miei sentimenti o tenerli, come ho fatto sino ad ora, per me. Fino ad oggi la scelta è stata chiara: non dire nulla, mantieni tutto com’è. …

Leggi

Sala d’aspetto

“Vuoi un caffè?”“Sì, grazie”“Sempre senza zucchero?”“Sì”. Sorrise.Giuseppe si alzò e si diresse verso la sgangherata macchinetta del caffè, inforcò gli occhiali e iniziò a scrutare il tastierino elettronico.“Guarda anche se c’è qualcosa al cioccolato, sento di averne bisogno”“Ricordo che un tempo andavi matta per la brownie, ma qui mi sa …

Leggi

Conte Carlo

racconti erotici - Conte Carlo

– Non potete andare avanti sempre con la stessa fasciatura. Avanti. Sedetevi e lasciate che vi lavi il viso e vi cambi le bende. Conte non voglio sentire una sola scusa, mettetevi l’animo in pace.-. Agnese aveva le mani sul suo braccio e cercava di guidarlo alla poltrona della zona …

Leggi

Base lunare chiama terra

Paolo Innocenti

Ma che bella camicetta a fiori ! Non avete sbagliato. Era il mio cervello che commentava la mia splendida camicia a fiori dai colori ocra e marrone. Era stato un gran acquisto al magazzino dei vestiti usati. Mi affacciai alla finestra e mi misi ad osservare le persone passeggiare nel …

Leggi