Home / Rubriche / Blog / Smettere di Fumare / Smettere di Fumare #2 – Tra tristezza e generosità
Smettere di Fumare #2 – Tra tristezza e generosità

Smettere di Fumare #2 – Tra tristezza e generosità

Sono entrato nella terza settimana e ci sono entrato nel mio tipico modo: con discrezione e paura. Mi sono concesso una serata dietro approvazione del mio compare, per il resto ho mantenuto l’impegno. Un giorno forse mi guarderò indietro e sarò orgoglioso di tutto questo, per ora mi sento solo triste.

Programma rispettato, quasi

Dopo due settimane sono ancora sul pezzo, ho rispettato il programma. Cioè, non proprio, ho dedicato una serata in più al vizio, ma di contro partirò più tardi. Con calma. La data di partenza del mio viaggetto a luglio avrebbe dovuto essere il 16, però è stata posticipata e partirò il 21. Ricorderete bene che i viaggi erano parentesi d’amore tra una bionda e un accendino. In compenso giovedì scorso io e Massimo abbiamo avuto un fuoriprogramma, un’intervista surreale e poco professionale con Camilla Semino Favro. Non voglio anticiparvi nulla dell’intervista perché vi proporremo ben due pezzi al riguardo, sobri come sempre, sappiate solo che Massimo mi ha concesso di fumare per quella sera. A dire il vero ne ha fumata qualcuna anche lui. A dire ancora più il vero, completamente sbronzi a fine serata mi ha chiesto una sigaretta (non la prima), l’ho guardato implorante dicendogli che era l’ultima e lui, nella sua ubriachezza indegna  e arrogante, mi ha detto di non rompergli le palle ed io, novello San francesco che sa trattare con le bestie ed è generoso, ho ceduto. Non me la sono presa più di tanto, eravamo davvero conciati forte, ma almeno deve sapere quale gesto d’amicizia ha ricevuto e siccome di certo non se lo ricorda glielo faccio leggere qui. Se il sito fosse letto da più persone proporrei un voto popolare sulla generosità del mio gesto: da 0 a 10 quanto è stato generoso concedere l’ultima sigaretta sapendo che non ne avrei fumate per una settimana? Il mio voto è 11.

Ancora dentro al tunnel

Ancora non sono fuori pericolo, l’unico motivo per cui non sono crollato è che non ho sigarette in casa. L’altro giorno, scendendo da una macchina, ho visto un pacchetto nella tasca laterale dello sportello e mi ci sono avventato per scoprirlo vuoto (mi è stato detto che è lì da mesi, forse anni). Il dubbio è che un giorno di questi possa mettermi a rovistare nella spazzatura o raccogliere qualche mozzicone da terra e farmelo accendere da un passante, non portandomi io dietro nemmeno l’accendino. Lo vedo il passante spaventato da uno con la faccia spiritata che gli chiede con cupidigia di accendergli un mozzicone malmesso.

Tristezza

In generale non è un brutto periodo della mia vita: le vacanze si avvicinano, si lavora a ritmi meno frenetici, a casa tutto bene. Però ho una tristezza di fondo che mi pervade, una tristezza leggera che mi solletica l’animo con costanza. Il motivo è solo uno: la mancanza di nicotina. Lo so perché questa tristezza diventa più veemente, si apre a folate violente, nel momento in cui penso ad una sigaretta. Si tratta di qualche secondo e poi torna a lavorare nel sottobosco. Che posso dirvi? Mi ha preso così, un desiderio che trova sfogo nella tristezza, mi sento come Atreiu nella palude della tristezza, anzi più come il cavallo che alla fine affonda. Forse perché non sono mai stato un combattente, quindi la mia anima conosce solo le vie del cedimento, lo scricchiolio di sconfitte annunciate, il piccolo sogno borghese irrealizzabile.

Non perderti le nostre rubriche

Iscriviti alla newsletter per ricevere in mail tutti gli aggiornamenti
Smettere di Fumare #2 – Tra tristezza e generosità ultima modifica: 2017-07-19T15:55:06+02:00 da agafan

Su agafan

Avatar
agafan sta per fan di Aga, cioè di Agnieszka Radwańska, tennista polacca. Radwańska è stata una perdente di lusso a causa della mancanza cronica di potenza nei suoi colpi. Ma ha compensato con altre caratteristiche, ha aggirato l’ostacolo con la classe e la sagacia tennistica, fornendo uno spettacolo unico. Mi piacerebbe affermare che le caratteristiche di Aga sono le mie nella vita, o che sono quelle a cui mi ispiro. Purtroppo né l’una né l’altra (nemmeno sul campo da tennis), mi limito semplicemente ad ammirarle. Non basta?

Può interessarti

Smettere di fumare #5 – Riprendere e smettere di nuovo, il circolo più vizioso che ci sia

Smettere di fumare #5 – Riprendere e smettere di nuovo, il circolo più vizioso che ci sia

Le vacanze? Tutto bene grazie. Anche perché, come da programma, ho fumato a piacimento. Ora …

Smettere di fumare #4 - Il penitente impertinente

Smettere di fumare #4 – Il penitente impertinente

Ho scuse da porgere, pentimento da manifestare e frusta da far cadere sulla schiena. Questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non perderti le nostre rubriche

Niente spam, solo una mail a settimana!

ml_html_hidden