Home / Rubriche / Blog / Discolabirynt2000 / Dischi da regalare a Natale: tre quarantenni che sanno il fatto loro
Dischi da regalare a Natale 2019

Dischi da regalare a Natale: tre quarantenni che sanno il fatto loro

A Natale si sa la musica si vende, purtroppo non sempre con cognizione, ma qualche volta si può unire utile e dilettevole regalando dischi belli con la scusa delle strenne Natalizie. Oggi vi proponiamo gli album di tre splendidi quarantenni, Cesare Cremonini, Robbie Williams e Tiziano Ferro

Se dovessimo individuare due hashtag con cui incorniciare il regalo perfetto, potremmo sicuramente buttarci su #malinconia #ricordi # grandi successi o all’inglese #greatesthits.
E si dà il caso che quest’anno avrete almeno tre possibilità niente male che vi si presenteranno incrociando i suddetti indicatori.
Tra l’altro un altro filtro da applicare alla vostra ricerca dovrebbe essere #anchebastabublé, non perché il ragazzo sia cattivo ma perché rischiereste di averlo già regalato in qualche altra occasione. Occhio, la figuraccia è davvero prossima a venire.

Cesare Cremonini 2C2C – The Best Of

Facciamo che facciamo un discorso a parte per Cesare Cremonini, in generale e in particolare. Presentando un best of uno penserebbe che le canzoni inedite infilate in mezzo siano qualche scarto di fabbrica rammendato qua e là, bene, dimenticatevi di questo pensiero. Gli inediti del nuovo album di Cesare Cremonini sono una bomba di bellezza e poesia, roba che chiunque altro ci farebbe cinque dischi e due raccolte. L’ex Lunapop, si scherza eh, invece no, spara sei pezzi all’inizio di The best of davvero molto belli, sia per arrangiamento, sempre Inghilterra sempre pop sintetico, ma sono i testi che sconvolgono lanciando una rilettura di Dalla e De Gregori veramente interessante e divertente. Disco da regalare se ancora credete nel concetto di giustizia, davvero i primi sei pezzi di The best of meritano di essere ascoltati tante volte. Su tutti spicca prepotentemente Al telefono, pezzo incredibile.
A dimenticavo oltre ai sei inediti, ci sono pure 32 singoloni tra cui Pagliaccio, Nessun vuole essere Robin, e tantissimi altri successi. No era per dire, niente di che. Acquistalo su amazon cliccando qui.

Tiziano Ferro – Accetto miracoli

Primo disco completamente americano per il cantante partito da Latina, e prima grande soddisfazione internazionale. A lavorare con Tiziano nazionale un nome stratosferico della musica internazionale Timbaland, cioè uno che ha prodotto Jay-Z per dire, ma anche qualche piacevole sorprese italiana come Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti. I pezzi, strano a dirsi, hanno un suono molto più “italiano” di quello che si potrebbe immaginare, a partire dai primi due dell’album Vai ad amarti e Amici per errore. Col terzo brano invece si ha una bella sensazione di estraniamento perché Tiziano duetta con Jovanotti su un beat latino e africheggiante, splendido l’arrangiamento della chitarra. Tra i pezzi sparsi nell’album spiccano Uomo pop e la track che da il titolo all’album Accetto miracoli, brani molti differenti ma molto interessanti per questo. Se Uomo pop è una canzone criptica e probabilmente più personale di quello che Tiziano ammetta, Accetto miracoli è un pezzo sincero e strappa lacrime, voce impeccabile, pianoforte toccante e testo che sembra una fotografia in bianco e nero. Acquistalo su amazon cliccando qui.

Robbie Williams – The Christmas Present

Disco che sulla carta lascerebbe perplesso anche i parenti più stretti del cantante inglese ex Take That, ascoltato invece si rivela divertente ed estremamente ben fatto. Ora non è che stiamo parlando di un capolavoro ma l’album in salsa jingle bells rende, e la voce di Robbie Williams è davvero pregevole prestata alla questione natalizia. Tutti i brani sono scritti da Williams con alcune collaborazioni interessanti e prestigiose, tra cui uno splendido duetto con Rod Steward (che voce) e un bel pezzo rock’n’roll leggero e divertente con Bryan Adams.
Se volete mettere un disco al pranzo di Natale e fare i fighi, sicuramente questo è quello giusto: piace alla nonna, piace alla mamma, non viene schifato dal nipote trappista (forse) e voi ve lo potete godere con un bel whiskey tra le mani. Acquistalo su amazon cliccando qui.

Dischi da regalare a Natale: tre quarantenni che sanno il fatto loro ultima modifica: 2019-12-16T07:56:50+01:00 da Piggy the pig

Su Piggy the pig

Avatar
Nasce negli anni 80 con ancora l'eco delle chiamate londinesi. Quando ci arriva a Londra è scoppiato il Brit-pop, intanto le urla del grunge scendono sotto pelle. Ama il vino rosse e le birre rosse, ascolta musica per non piangere ma a volte gli fa l'effetto contrario.

Può interessarti

Tre dischi che dovreste ascoltare su Spotify usciti prima del 1980

Tre album che dovreste ascoltare su Spotify usciti prima del 1980

La recente pubblicazione della discografia di Lucio Battisti, i passaggi a gambero di Neil Young, …

Iggy Pop, Free, il nuovo album

Una copertina blu con una figura in controluce che esce dall’acqua. Una tromba sospirata ed …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.