Home / Scelti per voi / Articoli / Citazioni da Il sabotatore di campane di Paolo Pasi
Il sabotatore di campane - Paolo Pasi

Citazioni da Il sabotatore di campane di Paolo Pasi

Proponiamo una selezione di citazioni da Il sabotatore di campane (leggi la nostra recensione) di Paolo Pasi (vai alla selezione di recensioni)

Acquista Il sabotatore di campane su Amazon

Giunto alla chiesa, si sorprese ad ammirare la spoglia superiorità di quell’edificio antico, forse l’unico del paese. S’intuiva ancora la mano di uomini vivi. L’ipocrisia stava nei simboli. Il campanile tozzo s’impennava al cielo con uno slancio sgraziato, troppo aggrappato alle fondamenta per evocare lo spirito dell’ascesa.

L’orologio a muro batte incessante il tempo uguale, le ore dell’attesa e della resa, i minuti dell’impotenza, i secondi dell’amnesia.

Il ragazzino pensava che ci fosse qualcosa di innato e misterioso nella loro divisione dei ruoli. Come se fosse nell’ordine delle cose che sofferenze e pensieri scavassero solo un’incrinatura di superficie sul volto delle madri, mentre quelli dei padri sembravano imbevuti di tragedia…

Una bomba anarchica, gridavano i benpensanti, mentre sul loro viso armato di vendetta scorgevi la ruga della ragione di stato.

“Ci vuole coraggio a guardare negli occhi un bambino. Significa rimetterti in gioco, dare tutto te stesso per ritrovare l’innocenza, affondare le mani nel passato e liberarti dalle sicurezze che hanno costruito la tua esperienza. Significa accettare il rischio di un amore totale. Per questo i più grandi vigliacchi della storia appartengono agli eserciti sterminatori che non fanno eccezioni. Hanno ucciso e continuano a uccidere i bambini voltando lo sguardo altrove…”

“Forse chi sceglie l’amore si incatena a una nuova sofferenza” diceva “ma chissà perché chi sceglie la libertà cerca sempre l’amore. È l’amore accecante che ci rende liberi…”

Se la vita fosse fatta di sole vittorie, non esisterebbe la poesia. È il canto degli sconfitti a farci guardare oltre.

… credere in un’utopia è stato il mio modo per ridare senso alla realtà.

Il bello dell’utopia è che sopravvive al tempo. È memoria declinata al futuro. “Prima o poi il potere imploderà”, pensa l’anarchico. La sua libertà adesso gli sta davanti…

Citazioni da Il sabotatore di campane di Paolo Pasi ultima modifica: 2018-07-04T08:29:01+00:00 da agafan

Su agafan

agafan sta per fan di Aga, cioè di Agnieszka Radwańska, tennista polacca. Radwańska è una perdente di lusso a causa della mancanza cronica di potenza nei suoi colpi. Ma lei compensa con altre caratteristiche, aggira l’ostacolo con la classe e la sagacia tennistica, fornendo uno spettacolo unico. Mi piacerebbe affermare che le caratteristiche di Aga sono le mie nella vita, o che sono quelle a cui mi ispiro. Purtroppo né l’una né l’altra (nemmeno sul campo da tennis), mi limito semplicemente ad ammirarle. Non basta?

Può interessarti

Mark Twain

Mark Twain – Biografia

Mark Twain, pseudonimo di Samuel Langhorne Clemens (Florida, 30 novembre 1835 – Redding, 21 aprile 1910), è stato uno scrittore, umorista, aforista e docente statunitense. (leggi la nostra recensione …

Autobiografia di una rivoluzionaria - Angela Davis

Chi è Angela Davis autrice di Autobiografia di una rivoluzionaria

Angela Yvonne Davis (Birmingham, 26 gennaio 1944) è un’attivista del movimento afroamericano statunitense, militante del Partito Comunista degli Stati Uniti d’America fino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.