Turbolenza - David Szalay

Turbolenza – David Szalay

Turbolenza di David Szalay ha scorrevolezza e intensità nel disegnare sentimenti, sensazioni, paesaggi, scenografie. Il lettore entra nella mente e nelle mani sudate di ogni protagonista, quasi giustificandone gli aspetti più disgustosi e senz’altro perdonandoli per le loro debolezze.

Turbolenza di David Szalay

Basterebbe l’origine ungherese, a David Szalay, per garantirne qualità ed affidabilità della scrittura. E Turbolenza, breve romanzo diviso in dodici racconti solo apparentemente in maniera banale collegati fra loro, regala il piacere di lettura che solo gli autori che bazzicano ad alti livelli possono suscitare: scorrevolezza e intensità nel disegnare sentimenti, sensazioni, paesaggi, scenografie.

Il romanzo è composto da dodici racconti, intitolati a una determinata rotta da un aeroporto all’altro, che compongono una specie di cerchio, ad elevato tasso di emotività.

Si parte da Londra e si gira praticamente il mondo, fra partenze e arrivi, con un protagonista decisivo per ogni passaggio. I racconti sono di poche pagine, e la grande capacità del giovane autore anglo-canadese sta proprio in questo: riuscire a regalare storie di una straordinaria complessità emotiva in pochi fogli, riuscendo altresì a dare ai personaggi una precisa conformazione. Il lettore entra nella mente e nelle mani sudate di ogni protagonista, quasi giustificandone gli aspetti più disgustosi e senz’altro perdonandoli per le loro debolezze.

L’altra faccia della medaglia è proprio quella sensazione di bramosia di averne ancora, di pagine, e di saperne ancora, di ciascuna delle dodici storie. Non può lasciare sazi un testo del genere, proprio per quanto è gradevole l’estetica della scrittura. D’altronde, la genesi di questo lavoro ne spiega la conformazione: si tratta di un testo commissionato all’autore dalla Bbc per la radio, con la richiesta di scrivere delle piccole storie per uno spazio radiofonico molto breve; storie indipendenti ma in qualche modo legate.

Naturalmente, la maggior parte di chi comprerà questo libro lo farà per il titolo e il riferimento agli aerei. Il rapporto con il volo per tanti (incluso chi scrive, ma pure lo stesso Szalay e persino l’editore di questo sito) è quanto meno complesso: si va dalla paura semplice, al terrore, all’ansia mista al fascino, all’indifferenza. Perciò si tende a volerne sapere sempre di più. Ma, da questo punto di vista, il libro vi deluderà: forti turbolenze fisiche riguarderanno solo il primo dei dodici racconti. L’artificio letterario del volo è connesso agli spostamenti veloci, ad una visione del mondo fatto di singole persone, singole storie, tutte dannatamente interessanti; non, quindi, ad un mondo fatto di numeri, come purtroppo la globalizzazione (ora finalmente in pericolo) spesso ci porta a intendere.

David Szalay – TurbolenzaAdelphi
Traduzione: Anna Rusconi

Turbolenza su IBS

Turbolenza su La Feltrinelli

Turbolenza su Mondadori

Turbolenza su Libraccio

Turbolenza su Amazon

User Rating: Be the first one !
Voto77%

Be the first and rate this post Rate It

Rate It

77%

Author Review

0%

Not rated yet. Users Rate

Summary:

Su Dario Macrì

Avatar
L'ego mi costringe a dire che sono un giornalista. Ma proprio il fatto che esterni tale conflitto è opera stessa dell'ego, che esulta. E questo è solo un accenno della contorta battaglia interiore che si combatte in me soprattutto fra petto e bocca dello stomaco. Dalla Calabria.

Può interessarti

L’uomo di Kiev - Bernard Malamud

L’uomo di Kiev – Bernard Malamud

L’uomo di Kiev di Bernard Malamud narra la colpa scolpita nella storia degli ebrei, la …

Adulterio e altre scelte - Andre Dubus

Adulterio e altre scelte – Andre Dubus

Adulterio e altre scelte di Andre Dubus pone al centro l’uomo, o meglio, le scelte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.