Home / Recensioni / Libri / Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre – Lawrence Wright
Le altissime torri - Lawrence Wright

Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre – Lawrence Wright

Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre di Lawrence Wright da una parte ci accompagna alle radici del fondamentalismo islamico, dall’altra ci conduce attraverso le principali agenzie di intelligence degli Stati Uniti, mettendo in luce come le rivalità interne abbiano impedito di prevenire gli attacchi.

Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre di Lawrence Wright

Questa è una storia che tutti credono di conoscere, e che invece nessuno, prima di Lawrence Wright, aveva raccontato. (dalla quarta di copertina)

Ed in effetti quasi tutti ricordano dove erano e cosa hanno fatto l’11 settembre 2001, eppure in pochi sanno come e perché si è arrivati a quell’epilogo. 

Lawrence Wright inizia il suo saggio raccontandoci della gioventù di Sayyid Qutb, il teorizzato del moderno Jiahd, e di come le sue idee e i suoi scritti alimentarono il legame tra un principe saudita (uno dei molti figli di un ricco imprenditore edile non poi così ricco, né così carismatico, né così brillante), Osama bin Laden, con un medico egiziano cresciuto in un sobborgo del Cairo (Ayyman al Zawairi, attualmente a capo di al-Qaeda).
Sullo sfondo delle vicende personali di questi protagonisti si alternano vicende storiche come l’invasione sovietica dell’Afghanistan, la prima guerra del golfo e l’assassinio del presidente egiziano Sadat. 

Come al-Qaeda giunse all’11 settembre

Se da una parte l’autore ci accompagna alle radici del fondamentalismo islamico, dall’altra ci conduce attraverso le principali agenzie di intelligence degli Stati Uniti, mettendo in luce come le rivalità interne tra CIA e FBI hanno fatto sì che alcune informazioni di fondamentale importanza non fossero condivise, impedendo di fatto di prevenire gli attacchi.

Una su tutte, la CIA era a conoscenza che due dei dirottatori dell’11 settembre erano entrati negli Stati Uniti già dal gennaio 2000: sebbene l’FBI avesse più volte chiesto queste informazioni, queste vennero condivise solo nei giorni successivi agli attacchi.
Mi ha sorpreso anche scoprire come, a fine anni ’90, solo 8 agenti su circa 10.000 in tutto l’FBI conoscessero l’arabo, a dimostrazione di quanto la minaccia del terrorismo islamico non fosse presa in seria considerazione.

Ground zero

Il libro è stato pubblicato nel 2006 e ha vinto il premio Pulitzer per la saggistica nel 2007: la scrittura è molto godibile, a tratti al pari di un romanzo, caratteristica che si può ritrovare anche in un altro libro di Wright pubblicato da Adelphi e dedicato a Scientology, La prigione della fede.
Per rendere la storia più accessibile e per umanizzare volti e nomi che nel tempo ci sono diventati familiari, l’autore ci accompagna nella numerosissima famiglia di Osama bin Laden, nel sobborgo del Cairo in cui è cresciuto Ayyman al Zawairi e nella forse fin troppo affollata vita privata di Jonh O’Neil, probabilmente l’agente che più aveva intuito il pericolo derivante dal nascente fondamentalismo islamico. 

Le Altissime torri e dintorni

Il saggio è corredato da un’ampia sezione di note, bibliografia, un elenco dei personaggi principali e una galleria di immagini. Come anticipato, la prima pubblicazione è del 2006 e per ovvie ragioni la narrazione si conclude poco dopo l’attacco alle Torri Gemelle, quando si iniziava appena a intravedere il legame tra al-Qaeda e l’11 settembre. 

Personalmente, essendo passati quasi vent’anni dall’autunno del 2001, la curiosità di approfondire quanto è venuto dopo mi è rimasta, tanto da leggere un altro libro di Wright, Gli anni del terrore (2016), che contiene dieci reportage che riprendono alcuni argomenti già trattati ne Le Altissime torri (come la storia degli agenti dell’FBI John O’ Neill e Ali Soufan), rendendo il libro un po’ ripetitivo, anche se non mancano alcuni spunti interessanti (su tutti, il reportage sull’industria cinematografica siriana). 

Ho trovato invece più interessante un altro libro vincitore del premio Pulitzer per la saggistica, Bandiere nere. La nascita dell’Isis di Joby Warrick che prende l’avvio con l’amnistia di un gruppo di prigionieri politici in Giordania e termina durante i primi anni del conflitto civile in Siria. Inutile dire che letto quello bisognerebbe trovare un altro titolo che approfondisca gli avvenimenti successivi fino ai giorni nostri, ma non ho ancora trovato un libro convincente. Anzi, ogni consiglio è ben accetto.

Lawrence Wright – Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre – Adelphi
Traduzione: Giovanni Ferrara degli Uberti

Acquista su IBS

Acquista su Amazon

Voto85%

Be the first and rate this post Rate It

Rate It

85%

Author Review

0%

Not rated yet. Users Rate

Summary:

Le altissime torri. Come al-Qaeda giunse all’11 settembre – Lawrence Wright ultima modifica: 2019-09-25T10:00:49+02:00 da Bea

Su Bea

Bea

Può interessarti

Colla – Irvine Welsh

Colla di Irvine Welsh è il racconto di quattro vite che scorrono sullo sfondo di …

chris offutt - Mio Padre il Pornografo

Chris Offutt: Mio Padre, il pornografo

Se c’è un’istituzione che più di tutte ha causato danni all’umanità, beh, di certo è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.