Coppa Italia SEmifinali di ritorno: Juventus - Inter

Pagelle di Juventus – Inter: 0 – 0 – Coppa Italia

Buffon SV: Per lunghi tratti della partita l’Inter Milano mette in scena un vero e proprio tiro a segno. Ma non nella sua porta, dato che praticamente non ha toccato palla

Danilo 6,5: La riscoperta di questo giocatore vale quasi quanto il colpone estivo, quello a mille zeri, quello… ma sì, dai, quello che “ogni anno, luglio e agosto, sogni sotto l’ombrelloneee”

de Ligt 7: Vederlo inseguire Lukaku fino alla sua area di rigore è stato arrapante quanto avere 13 anni nel 1993 e scoprire per la prima volta gli stacchetti di Ilaria Galassi

Demiral 7,5: Un muro, stasera anche più del suo collega di reparto. Vederli giocare assieme, in ogni caso, può mettere in crisi anche l’eterosessuale più convinto

Alex Sandro 6: Ha sofferto parecchio la velocità di Hakimi, ma nel complesso, di mestiere, con coraggio, è riuscito a contenere le folate della freccia nerazzurra

Cuadrado 5,5: Meno trascendentale e pure più leggerino del solito. Non era la sua partita

Bentancur 5,5: Roccioso, efficace nelle chiusure, ma troppo spesso si permette di quelle leggerezze che sant’iddio…

Rabiot 6,5: Dategli la palla e lui saprà come alleggerirla nel migliore dei modi. Il francese è quel tipo di giocatore che, con il solo utilizzo di quello che ai più potrebbe apparire come un passaggetto del cazzo, sa sbrogliare anche la peggiore delle situazioni

Bernardeschi 5,5: Lascia troppo solo Alex Sandro contro Hakimi, ma questa è più una colpa di lo ha schierato su quella fascia. Non è tra i più brillanti, ma stasera non mi sento di punirlo esageratamente

Kulusevski 5,5: C’è una cosa che mi piace da morire di questo giocatore, e cioè che la palla gli resta sempre incollata tra i piedi. È una dote rara, tipica di chi potrebbe diventare un autentico crack. Stasera però, ha combinato poco e niente

Ronaldo 6,5: Non segna, ma per quelle quattro cose che ha fatto vedere stasera ha dimostrato di essere di gran lunga il calciatore più forte dei 22 in campo. Lo ribadisco: paragonarlo agli altri attaccanti presenti in Italia è semplice cucina giornalistica. Un gioco stilistico per riempire pagine, pura prostituzione intellectuale

I subentrati:

McKennie 6: Gioca (bene) in totale copertura sulla fascia presidiata da Alex Sandro

Chiellini 6: Il suo ingresso è una pura manovra di copertura per rinforzare la difesa schierata a cinque per i minuti finali

Chiesa SV

Pirlo 6,5: Schierare Bernardeschi titolare contro l’Inter, per di più sulla fascia di Hakimi, o è sinonimo di fiducia incondizionata nel giocatore o è un livello di sboronaggine tale da far impallidire persino i playboy della riviera romagnola, quelli che abbinavano con coraggio ciabatta, canottiera e il cristazzo d’oro impigliato nei peli del petto. Detto ciò, a parte questo, la sua Juve è sempre più una squadra matura, capace di adattarsi all’avversario e ottenere ciò che vuole. In questo caso una finale. Contro l’Inter. Evvai.

Su massimo miliani

Avatar
Ho il CV più schizofrenico di Jack Torrence, per questo motivo enunciare qui la mia bio potrebbe risultare complicato. Semplificando, per lo Stato e per l'Inpgi, attualmente risulto essere giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.