giornata-della-memoria-per-bambini

Giorno della memoria per i bambini

La memoria è un vaccino prezioso. Ci aiuta a combattere con intelligenza e moderazione i miasmi del totalitarismo che una società conserva nonostante tutto, nel suo inconscio, nel retrobottega della storia collettiva, familiare, personale. La memoria è un atto di giustizia postumo ma è soprattutto un’operazione civile senza la quale si perde la direzione della Storia e si smarriscono anche le stesse ragioni per le quali siamo insieme, come famiglie, come comunità. Senza memoria il destino è segnato dagli altri. E non sono mai i migliori.1

Queste, sono le parole di Ferruccio de Bortoli, Presidente Onorario del Memoriale della Shoah, nella sua prefazione all’ultima testimonianza pubblica sulla Shoah di Liliana Segre, Senatrice a vita e sopravvissuta alle tragedie dell’Olocausto. 

“Ho scelto la vita”. Così ci dice Liliana nei suoi racconti, quando ci narra la sua terribile storia che però, come dice lei, ha avuto un lieto fine e ci porta a pensare che forse c’è speranza.

Ho chiesto ai miei bambini cosa fosse per loro il tempo e, Serena, 10 anni, ha fatto questo disegno: 

Passato → speranza → futuro

Guerra → speranza → crescita di qualcosa di buono

Ricordare e celebrare questa giornata penso sia doveroso nei confronti di chi, come Liliana, ha sofferto e ci fa credere che ci sia la speranza per un futuro migliore, un futuro che Liliana ci mostra come un sogno europeo di pace di cui lei ha voluto farsi carico attuando una Commissione contro l’odio (quanto ce n’è ancora in giro…?) 

Per ricordare, per incarnare quelle “candele della memoria” di cui parla la Senatrice, consigliamo alcuni titoli per sensibilizzare i bambini a un pensiero che vada contro l’odio e contro l’indifferenza (arma ancor più forte dell’odio) e che li aiuti a comprendere che il perdono, l’alleanza e l’uguaglianza siano sentimenti giusti e condivisibili. 

Potrebbe inoltre essere interessante svolgere un percorso sulle leggi: da dove siamo partiti? Come è nata la Costituzione? Come siamo giunti all’avere i diritti che abbiamo oggi? Partire dal 1938, quindi dall’emanazione delle Leggi Razziali può far capire a bambini e ragazzi quanta strada abbiamo fatto e quanto sia importante andare avanti e combattere per i diritti di tutti, affinché siano realmente uguali e senza discriminazioni. 

Consigli di lettura:

  • Ho scelto la vita. La mia ultima testimonianza pubblica sulla Shoah di L. Segre; 
  • Scolpitelo nel vostro cuore di L. Segre
  • Che cos’è l’antisemitismo? di L. Levi 
  • Fino a quando la mia stella brillerà di L. Segre 
  • Ti prometto che non dimenticherò mai di M. Luppi 
  • Anche per giocare servono le regole di G. Colombo 
  • Dall’inchiostro al sangue di A. Bienati 
  • Through our eyes di I. B. Tatelbaum
  • La Gabriella in bicicletta di T. Anselmi
  • L’albero della memoria di A. e M. Sarfatti
  • Il segreto della casa sul cortile. Roma 1943-1944 di L. Levi
  • L’albero di Anne di I. Cohen-Janca 
  • Alice nel paese dei diritti di M. Lodi e D. Novara
  • La bambina del treno di L. Farina
  • Le valigie di Auschwitz di D. Palumbo 
  • Rosabianca di R. Innocenti
  • Il diario di Jorg di G. Pederiali  
  • Noi, bambine di Auschwitz di A. Bucci e T. Bucci
  • Storia di Sergio di A. e T. Bucci con Alessandra Viola
  • Ho sognato la cioccolata per anni di Trudi Birger 
  • A un passo da un mondo perfetto di D. Palumbo

[1] L. Segre, Ho scelto la vita. La mia ultima testimonianza pubblica sulla Shoah, Corriere della sera, Milano, 2021, pp. 11-12.

Su Ilaria Dui

Avatar
Laureata in Scienze della Formazione primaria, specializzata in messaggi vocali dai 4 minuti in su, dottoranda in Netflix, amante di storie di qualsivoglia tipo, ladra di abiti di sorelle maggiori, carnivora di professione, goffa come secondo lavoro. Tra una pista da sci e il duomo di Milano, tra amici montagnini e amici San Carlini, mi piace pensare di poter percorrere diverse strade fatte di punti di vista diversi e dettagli opposti, il tutto con una vecchia auto perennemente dal meccanico grazie a un conto corrente perennemente in rosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.