Non-siamo-tutti-fuori-di-testa

Non siamo tutti fuori di testa

Una frase ormai diventata classica è: “Sai, sono un po’ pazza/pazzo”. Si tratta di una definizione che di se stessi danno ormai tutti, chi in un campo chi nell’altro, comunque tutti sono un po’ pazzi, essere fuori di testa sembra essere caratteristica comune.

Definirsi fuori di testa dà modo di stagliarsi dalla massa, perché esserlo significa abbandonare la normalità e diventare soggetto particolare, insolito agli occhi delle persone, o più probabilmente di se stessi. Definirsi pazzi permette di caratterizzarsi con più forza, non essere uno qualunque, ammantarsi di “sintomatico mistero”. Lo stesso discorso vale quando si dice a qualcun altro che è pazzo, lo si fa a modo di complimento, con quel pizzico di ammirazione.

Il problema è che con questo andazzo si normalizza la pazzia, essere fuori di testa diventa comune e allora perde quell’aura per cui si tende a definirsi tali. Arrivando così alla sintesi di Dalla “ma l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale”.

Uscire dal paradosso comporta prendere coscienza di due fatti correlati. Il primo è che essere normali non è un’onta. Comprendiamo bene l’esigenza di distinguersi, quasi nessuno ne è immune, un principio di autoaffermazione che ci permette di uscire dalla banalità della vita. Però dovremmo fare i conti con la nostra normalità, il nostro banale attraversamento del mondo. Questo non comporta la mancanza di caratteristiche peculiari, ma essere fuori di testa indica un passo in più che difficilmente viene fatto con consapevolezza, quasi mai accarezza l’ego del pazzo che non ama essere additato come tale.

In secondo luogo basta fare un minimo di mente locale: quanti fuori di testa conoscete davvero? Se analizzate la situazione con un minimo di facilità, vi accorgete che sono pochi o nessuno, perché essere fuori di testa significa essere fuori dalla normalità. Chi lo è non tranquillizza, inquieta nella sua imprevedibilità, perché la normalità, che tendiamo a schifare, è il nostro conforto, ciò che ci permette di vivere tranquilli, cosa di cui abbiamo assoluto bisogno, pur declinando tranquillità e normalità in modi diversi. Il vero fuori di testa tendi ad evitarlo, normalmente.

Photo by Marina Kazmirova on Unsplash

Su Redazione

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.