Home / Attualità / La campagna del mese / Festa delle donne 2019, noi le vogliamo a misura d’uomo
Festa delle donne 2019 noi le vogliamo a misura d'uomo

Festa delle donne 2019, noi le vogliamo a misura d’uomo

Per la Festa delle donne 2019 ribadiamo che le vogliamo a misura d’uomo. Noi uomini dovremmo uscire da questo onanismo mentale che guarda solo alle nostre presunte necessità, come se le donne fossero al mondo solo per soddisfare le nostre aspettative.

Onaninsmo mentale

Quale migliore occasione della Festa delle Donne per parlare di chi alle donne farebbe la festa, almeno a quelle che non rispettano determinati canoni che sono ad uso e consumo degli uomini e ricchi di contraddizioni. Vorremmo ricordare, tanto per iniziare, che festeggiare le donne significa accettarne la libertà, la fuga dal recinto che noi uomini vorremmo costruir loro intorno, provando ad allargarlo per necessità ma senza mai voler aprire le porte. Tanto per dire, nei recinti ci stanno le bestie che non devono scappare. E tanto per continuare, i recinti sono anche mentali, non solo fisici.

Noi uomini dovremmo uscire da questo onanismo mentale che guarda solo alle nostre presunte necessità, come se le donne fossero al mondo solo per soddisfare le nostre aspettative che, per altro, non riescono a progredire rispetto ad un’età buia che perdura nonostante provino a spiegarcelo. Dobbiamo capire che quello di cui stiamo parlando non è una concessione, non abbiamo nessuna autorità per fare gentili concessioni, anche se spesso abbondiamo di autoritarismo sguaiato che ci rafforziamo gli uni con gli altri, in quel circolo onanistico in cui meriteremmo di stare.

Facciamo qualche considerazione sulle caratteristiche che la donna deve avere per l’uomo, solo qualcuna, non pretendiamo certo di completare il catalogo.

La donna a misura d’uomo

La donna provocante ci attrae, risveglia le nostre voglie più basilari, anzi sembra fatta apposta per soddisfarle, per cos’altro altrimenti? Però le donne che esibiscono la propria sensualità, nel vestiario o nei comportamenti, sono sfacciate, creature che non pensano ad altro che a rizzare i cazzi. Infatti non vanno bene in tre circostanze: se appartengono alla nostra famiglia, se sono la nostra compagna, se non ce la danno. Che poi sono la maggioranza delle donne che incrociamo nella nostra vita, l’unica donna che può essere sensuale è quella che ci offre qualche notte d’amore, che se iniziano a diventare troppe diventano potenziali compagne e il circolo si richiude. Insomma, la donna provocante è puttana tranne che per lo spazio in cui ci si offre.

La donna che tradisce è puttana (sì è un termine che viene affiliato con molta facilità), l’uomo che tradisce ci sa fare. Non fa una piega, le debolezze sono solo appannaggio del sesso forte: di per sé è contraddittorio, perché dovrebbero appartenere a quello considerato debole. Forse la forza consiste proprio nel trasformare qualcosa di inaccettabile in un’abilità, mentre la debolezza è quella di cadere in tentazione senza averne meriti.

La donna che non cucina, lava e stira non sa fare quel che deve. Affonda nel passato la concezione che la donna debba occuparsi della casa, dei figli e del proprio uomo, è sempre stato così perché dovrebbe cambiare? Le belle e antiche tradizioni vanno conservate, soprattutto se fanno comodo. Perché mai dovremmo occuparci di attività che sono state assegnate alle donne? Da qualche dio, legge, saggezza popolare, segreto ancestrale? Che ce ne importa, purché non ci si chieda di alzarci da quel divano, indagarne le ragioni è attività superflua.

La donna che lavora è un problema. Innanzitutto, vista la carenza di posti di lavoro che già ci rubano gli immigrati, sarà mica il caso che anche le donne ne portino via una fetta ulteriore. Inoltre, metti che resti incinta, abbiamo un doppio problema: da una parte il datore di lavoro resta senza un impiegato per diverso tempo, inconcepibile; dall’altra se deve tornare al lavoro al più presto come fa ad allevare il figlio come dio comanda? E poi si sa che le donne non hanno le stesse capacità degli uomini sul lavoro, e vorrebbero anche lo stesso stipendio: si parla tanto di meritocrazia e invece si vogliono regalare soldi solo per parificare per principio.

Potremmo andare avanti ad oltranza, ma lasciamo a voi il compito di completare i punti.

Festa delle donne 2019, noi le vogliamo a misura d’uomo ultima modifica: 2019-03-08T10:00:46+02:00 da Redazione

Su Redazione

Avatar

Può interessarti

Regali di Natale 2018 - 30 libri da regalare a Natale 2018

Regali di Natale 2018 – 30 libri da regalare assolutamente

Regali di Natale 2018? Proponiamo 30 libri che potreste regalare in questo Natale 2018, tutti …

Auschwitzland il rispetto non è virtuale

Auschwitzland, il rispetto non è virtuale

Auschwitzland, purtroppo, non è solo una scritta su una maglietta. Nel momento in cui la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.