Tra le nostre parole, Katie Kitamura

“Un interprete non doveva solo dichiarare o tradurre, ma anche ripetere l’indicibile. Forse era quella, la vera ansia che aleggiava nella Corte e tra i miei colleghi.”

Nei Paesi Bassi, la maggior parte delle persone conosce bene l’inglese oltre alla loro lingua madre, ma se lavori come interprete alla Corte Penale Internazionale dell’Aja, la possibilità di parlare più idiomi, è all’ordine del giorno.
È quello che fa di mestiere la giovane protagonista del nuovo libro di Katie Kitamura, che da New York arriva nella piccola città olandese con un compito ardito e pieno di responsabilità.
Cerca un luogo da definire “casa”, lei, nata a Singapore, cresciuta in Francia e finita degli Stati Uniti con la speranza di fermarsi. Vorrebbe stabilità e instaurare relazioni che la facciano sentire parte di quel luogo.
Ci presenterà la sua amica gallerista Jana e l’uomo con cui ha una storia, Adriaan, sposato, con figli e con un matrimonio ai titoli di coda.
Ci parlerà anche del suo lavoro e della responsabilità che hanno le parole, il farsi capire, non solo verbalmente, ma anche emotivamente; ed è così che ci condurrà insieme a lei nella cabina d’ascolto di uno dei luoghi giuridicamente più importanti del mondo.
La Corte è il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite e viene chiamata a decidere su genocidi, crimini di guerra e verso l’umanità. Saremo con lei mentre un ex presidente di Stato verrà processato per atti indicibili e dovrà prestare la sua voce per raccontare gli avvenimenti.
La accompagneremo nell’appartamento in cui Adriaan le ha chiesto di aspettarlo mentre sarà fuori città e saremo testimoni di una serie di eventi, di incontri e di situazioni che le faranno capire cosa vuole davvero.
Un libro ricco di suspence che scava nel significato delle relazioni e sull’importanza della comunicazione in esse. Conosciamo davvero le persone vicino a noi?
Bellissimo.



Autore: Katie Kitamura
Traduzione: Costanza Prinetti
Casa editrice: Bollati Boringhieri
Anno di pubblicazione: 2022
Pagine: 170

Su Clara

Sono cresciuta a libri,moda e rock'n'roll. Mangio arte fin da piccola e ho sempre saputo che mi sarei occupata dell'immagine in tutto quello che la riguarda. Dopo i canonici anni di Liceo Artistico frequento l'Istituto Marangoni e l'Accademia del Lusso e della Moda a Milano dove spazio tra creazioni, styling e scrittura di settore. Ho una passione per il vintage a cui do una seconda vita, riutilizzando accessori e complementi d'arredo la cui immagine si stravolge e ne esce completamente rinnovata, la linea si chiama Resurrection Design, un nome che è tutto un programma, ma soprattutto una filosofia sulle possibilità. Scrivo, disegno e dispenso consigli su quello che sarà cool, una sorta di guida semiseria di quello che fotografo in giro per la City con l'occhio marcato dall'eyeliner e che racconto come se fosse una storia. Rido tanto, sogno molto e macino chilometri...ma sempre con un certo stile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.