Home / Rubriche / Blog / Il GP della Malesia: le Petronas Twin Towers, il trionfo di Bagnaia e l’urlo delle 6.34!
marquez-gp-malesia-2018-motogp

Il GP della Malesia: le Petronas Twin Towers, il trionfo di Bagnaia e l’urlo delle 6.34!

MotoGP 2018, GP Sepang, il riassunto – Dal miglior GP della “tripletta” in fatto di orari, quello della Malesia si è trasformato nel peggiore e la domenica è iniziata all’1.40. Fortuna che c’era l’adrenalina a tenermi compagnia, con il titolo della Moto3 assegnato a Martin, quello della Moto2 al “nostro” Bagnaia e con una MotoGP meno entusiasmante del solito

MotoGP – Il terzo appuntamento oltreoceano

Dalle distese oceaniche, dai koala e dai canguri si è passato in un attimo ai selfie con le Petronas Twin Towers. E questo mi fa pensare che in Malesia non ci sia nient’altro, perché ogni anni di questo periodo i social si riempiono solo di queste foto. Oltre ovviamente a quelle in piscina, che vabbé, le piscine esistono in tutto il mondo, non sono caratteristiche, non fanno testo. Quello della Malesia sarebbe dovuto essere il GP della tripletta asiatica con gli orari a noi più favorevoli. E invece no, sabato un uragano ha deciso di abbattersi sul circuito di Sepang, e Dorna ha così anticipato tutta la giornata di domenica di due ore per facilitare la gestione delle gare. Sappiate dunque che siete in debito con me di due ore di sonno. Quindi la mia domenica è iniziata all’1.40, con pace di tutti i vicini e orari completamente sballati. La gara della Moto3 è iniziata alle 3, e io ho fatto colazione tra la pubblicazione dell’articolo sul warmup della MotoGP e la partenza della Moto3, prima che il tè mi andasse di traverso visto cosa c’era in ballo.

Moto3 – Ci ho creduto tantissimo, ho tifato per lui da quando lo incontrai in aeroporto a Milano direzione Jerez. Marco Bezzecchi se lo sarebbe meritato proprio questo titolo di Moto3 e io, onestamente, speravo che arrivassero a giocarsela a Valencia. Dodici punti di svantaggio erano tanti, soprattutto in questa classe, e Jorge Martin è stato impeccabile, che gli vuoi dire. Quindi: grandissimo Bez, hai fatto comunque una gran bella stagione! I miei più sinceri complimenti a “Mart1nterminator” che ha fatto il vuoto dietro di sé e ancora una volta è stato superiore! Titolo strameritato, complimenti al team Gresini e a tutto lo staff.

Moto2 – Qui la vittoria era più “facile”, ma guai dare per scontate le cose nel motociclismo. “Pecco” Bagnaia ha gestito la gara alla perfezione proclamandosi così campione del mondo con il terzo posto. Un titolo, anche questo, strameritato, conquistato con intelligenza, passione, strategia, talento, determinazione, sbagliando pochissimo. Ciliegina sulla torta: il GP è vinto dal compagno di squadra Luca Marini, che firma la sua prima vittoria iridata in una giornata speciale. Emozionante a mio avviso la presenza di Valentino Rossi in pista, che ha abbracciato e si è congratulato con entrambi, prima di andare a prepararsi per la sua di gara. Bravi ragazzi, grazie di tutto!

MotoGP – Ce l’ha messa tutta Valentino Rossi per completare al top questa bella domenica, con probabilmente l’emozione ancora viva in corpo per i suoi “ragazzi” ma a quattro giri dalla fine il sogno si è infranto. Ed io che ero stata diligente fino a quel momento, ho cacciato l’urlo delle 6.34, perché quando un pilota cade, a me proprio non va giù. Non lo riesco a digerire, così come quando si devono fermare per problemi tecnici. Adoro vedere il corpo a corpo in duelli agguerriti, i sorpassi sono la linfa vitale. Niente, questa volta è andata così. E ora mi preparo al GP di Valencia, quando tornerò finalmente in pista a vederli per l’ultima gara della stagione, che ha il sapore della felicità mista a nostalgia, prima che si faccia nuovamente tabula rasa e inizino le nuove sfide del 2019.

Il GP della Malesia: le Petronas Twin Towers, il trionfo di Bagnaia e l’urlo delle 6.34! ultima modifica: 2018-11-05T15:21:38+00:00 da Serena Zunino

Su Serena Zunino

Serena Zunino
Ligure d'origine, milanese di adozione, vivo le passioni in maniera viscerale - per la felicità di chi mi sta vicino - e sono curiosa come una scimmia

Può interessarti

Tramonto ad Aragon

MotoGP 2018 – Vita di una giornalista al GP di Aragon, tra ritmi incessanti, crasi lessicali e… Guido Meda

Il terzo Gran Premio spagnolo si è tenuto al Motorland Aragon, in una zona della …

motogp misano 2018, il commento

Il Commento: #SanMarinoGP dal mio punto di vista

MotoGP 2018, Misano – La mia passione per il motociclismo è viscerale. Ogni volta che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.