Home / Recensioni / Libri / Luce d’estate ed è subito notte – Jón Kalman Stefánsson
Luce d'estate ed è subito notte - Jón Kalman Stefánsson

Luce d’estate ed è subito notte – Jón Kalman Stefánsson

Luce d’estate ed è subito notte di Jón Kalman Stefánsson ci catapulta in un paesino di quattrocento anime dell’Islanda. Immersi in una natura scarna e suggestiva, gli abitanti cercano la strada per i loro desideri e noi seguiamo, attraverso racconti impregnati di lirismo, questa partita giocata tra destino e voglia di vita.

Una comunità di anime

Una piccola comunità di quattrocento anime in un paesino dell’Islanda. Mai fu più azzeccata la definizione di anime, perché i racconti riguardano le anime di questi abitanti, i loro desideri e il loro modo di affrontare la vita. Così ogni racconto ha per protagonista qualcuno di questi abitanti e il luogo è ciò che tiene insieme tutte le storie, ma non è solo il luogo, è la comunità di anime che vive insieme in questo ritaglio di natura. E la natura non è certo in secondo piano lì dove la luce è fragile e la notte è portatrice di stelle, la natura è parte integrante della comunità, gli uomini si muovono all’interno del paesaggio e il paesaggio agisce sugli uomini, sulle loro anime.
Già qui c’è tanta di quella diversità rispetto alla vita che conduciamo nelle città da mettere in luce una sensibilità diversa, un altro modo di porsi nel mondo, differenti coordinate di vita. Che poi, forse, in fondo, la domanda che aleggia per tutto il libro è comune a tutti: perché viviamo? La specificità di queste pagine è quella di inserire la domanda in un contesto tanto particolare da esaltare desideri e inclinazioni, riuscendo ad isolare quella parte dell’anima che nel caos si perde tra incombenze artificiose.

Jón Kalman Stefánsson
Jón Kalman Stefánsson

I personaggi e i loro desideri

Seguiamo i protagonisti dei racconti tra vicende bislacche e amori carnali, vita quotidiana e piccole grandi svolte. Si va dal direttore del maglificio che lascia una vita perfetta per studiare il latino e le stelle, alla storia fedifraga di Kjartan che pure è innamoratissimo della moglie, dall’amore per la vita da camionista di Jakob, all’avvocato che non potendo contare i pesci nel mare e le lacrime perde la bussola. I personaggi incrociano i propri destini, il fato fa il proprio gioco, i desideri cercano una via di sbocco e la partita a dadi della vita si sviluppa sulla pelle dei protagonisti. Non importa che siano laureati o lavoratori molto semplici, donne o uomini, giovani o maturi, si trovano tutti in quel mare che è la vita, fatta di onde e risacche, e cercano di barcamenarsi sperando di trovare un respiro un po’ più lungo.

Clicca qui per acquistare Luce d’estate ed è subito notte su IBS

Clicca qui per acquistare Luce d’estate ed è subito notte su Amazon

Una prosa poetica

Jón Kalman Stefánsson comincia dalla poesia e poi passa alla prosa e, nella sua scrittura in prosa, si sente. I racconti, perché seppur tenuti insieme dalla comunità di anime i capitoli sono veri e propri racconti a sé stanti, sono impregnati di lirismo. Seguiamo le vicende attraverso l’andamento stralunato, puntellato da finestre su una natura scarna e suggestiva che alimenta sogni, favorisce pensieri, accarezza solitudini e imbecca desideri. La scrittura agile rende leggera la lettura, i racconti scorrono con naturalezza e ci consegnano vicende ricche di vita e costellate di spunti di riflessioni quasi buttati lì, tra una decisione dei protagonisti e una considerazione del narratore (un abitante del paesino), tra uno scarto del destino e una stellata di sottofondo, tra un desiderio d’amore e una speranza di vita.

Jón Kalman Stefánsson – Luce d’estate ed è subito notteIperborea

Clicca qui per acquistare Luce d’estate ed è subito notte su IBS

Clicca qui per acquistare Luce d’estate ed è subito notte su Amazon

Le recensioni di EsteticaMente

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le nuove recensioni!
Voto - 72%

72%

User Rating: Be the first one !
Luce d’estate ed è subito notte – Jón Kalman Stefánsson ultima modifica: 2018-02-26T09:23:22+00:00 da agafan

Su agafan

agafan sta per fan di Aga, cioè di Agnieszka Radwańska, tennista polacca. Radwańska è una perdente di lusso a causa della mancanza cronica di potenza nei suoi colpi. Ma lei compensa con altre caratteristiche, aggira l’ostacolo con la classe e la sagacia tennistica, fornendo uno spettacolo unico. Mi piacerebbe affermare che le caratteristiche di Aga sono le mie nella vita, o che sono quelle a cui mi ispiro. Purtroppo né l’una né l’altra (nemmeno sul campo da tennis), mi limito semplicemente ad ammirarle. Non basta?

Può interessarti

Book Pride 2018 - Consigli di lettura

Book Pride 2018 – Consigli di lettura

Dal 23 al 25 marzo si svolgerà l’edizione 2018 di Book Pride, un’appuntamento a cui …

Dei fiumi resta il nome - Matt Briggs

Dei fiumi resta il nome – Matt Briggs

Dei fiumi resta il nome di Matt Briggs racchiude undici racconti molto diretti, ad assecondare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Le nostre ultime recensioni

Niente spam, solo una mail a settimana!