Home / Recensioni / Libri / Libri in disordine / Storia di Roque Rey – Ricardo Romero
Storia di Roque Rey – Ricardo Romero

Storia di Roque Rey – Ricardo Romero

Storia di Roque Rey di Ricardo Romero si candida a divenire un classico della letteratura argentina. La storia di un ragazzino destinato al vagabondaggio che rispecchia il popolo argentino e le sue contraddizioni.

Dibattito sul classico americano

In America, da alcuni ann,i prosegue la discussione su quale sia il classico americano, cioè quale libro possa rappresentare la terra a stelle strisce in letteratura. Ai primissimi posti nelle varie classifiche e più o meno in tutte le classiche ci sono due scrittori che è veramente difficile non avere amato o almeno stimato anche solo per un libro o un saggio: Philip Roth e Don De Lillo. Il primo (secondo me in particolare grazie a Pastorale americana) ha scritto le migliori pagine di formazione (come si dice al liceo) filogenetica, raccontando con grande lucidità e semplicità l’America nel suo scellerato progresso novecentesco. Don De Lillo, con Underworld (clicca qui per leggere la nostra recensione), ha disegnato una geografia dell’America, che passa dal sottosuolo ed arriva ai grattacieli, che difficilmente non afferra il lettore per potenza e visceralità.
Ma la vera domanda che a me è sempre sorta è: come si fa a capire se il libro di un contemporaneo ha la possibilità di diventare un classico? Difficile, ma qualche indizio lo potremmo raccogliere tra le mollichine lasciate dall’autore. Il rapporto con il Paese in cui è scritto, la prospettiva allungata sulla crescita di un personaggio, il linguaggio e la potenza espressiva potrebbero darci qualche traccia utile. Aspettando che mi vengano a dileggiare i miei molti detrattori, finisco con calma l’esposizione del mio teorema.
La metto giù pratica: ci sono libri che mentre li leggi pensi che non solo sono belli e densi, ma che potrebbero essere universali e parlare (sopratutto questo) a tutti o almeno a molti di una Storia intesa in modo totalmente tolstoiana.

Le scarpe narrano

Io azzardo: Ricardo Romero ha scritto un classico della letteratura argentina.
Il libro, dal titolo semplice e immediato Storia di Roque Rey, si apre con un’immagine straordinaria che sarà difficile dimenticare per tutto il resto della narrazione. Un uomo si spinge su una barca con aria meditabonda, sente le dita dei piedi e sopratutto le sue scarpe, si fa guidare da quelle. Scarpe magiche che parlano di destino e di futuro, che raccontano di cose accadute e che conducono verso qualcosa di incerto.

Poi, però, vennero le scarpe dei morti e imparò questo e anche qualcos’altro, come ad esempio che  la morte non necessariamente uccide del tutto.

Le scarpe diventano delle Moire che conoscono il futuro e lo guidano, animate da chi le ha regalate ci guidano verso quello che il protagonista potrà vivere. Quindi le vere narratrici di questo romanzo straordinario sono le scarpe di Roque Rey.

Clicca qui per acquistare Storia di Roque Rey

Un ragazzino destinato al vagabondaggio poetico

Dopo la prima folgorante scena ed essere stati catapultati in media res, il libro torna a riannodare passo passo la storia di Roque Rey appunto. La storia parla di un ragazzino che da Paranà, abbandonato da tutti e venuto al mondo “senza avvertire”, scopre di essere destinano al vagabondaggio poetico e ad imparare a vivere giorno per giorno.
In questo vagare per la terra del tango, della dittatura e degli sconfinati paesaggi, Roque Rey assomiglia al suo popolo e anzi lo rappresenta in maniera esemplare, racchiudendo in sé tutte le contraddizioni e le paure di un popolo di senza terra che ha vissuto una delle peggiori dittature al mondo il cui simbolo rimane, neanche a farlo apposta, quel nome odioso appiccicato su molte vite spezzate desaparecidos: non trovati, scomparsi.

Un mondo di mancanze

Ricardo Romero prova (e ci riesce) a raccontare un mondo di mancanze e di cose che non erano al loro posto, alcune magiche, alcune odiose in cui il viaggio è la stessa ragione del viaggiare, come direbbe Fabrizio De Andrè.
Il linguaggio di questo libro completa un quadro già di per sé avvolgente, arricchendolo di una potenza poetica impressionante. In chiusura una delle frasi che ho amato di più di questo libro.

Non gli avevano chiesto dove fosse diretto, perché era una domanda che non facevano nemmeno a sé stessi.

Ricardo Romero – Storia di Roque Rey – Fazi Editore

Clicca qui per acquistare Storia di Roque Rey

Le recensioni di EsteticaMente

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le nuove recensioni!
Storia di Roque Rey – Ricardo Romero
ultima modifica: 2018-02-02T17:34:49+00:00
da Andrea Labanca

Su Andrea Labanca

Andrea Labanca cantautore, laureato in Filosofia e performer, ha scritto due album impregnati di letteratura. "I Pesci ci osservano" è stato disco della settimana dì Fahrenheit Rai RadioTre e "Carrozzeria Lacan" è stato ospitato a Sanremo dal Premio Tenco. Ha collaborato con diversi scrittori (tra cui Aldo Nove e Livia Grossi) e ha lavorato come attore per Tino Seghal. Ora è in uscita il suo terzo album.

Può interessarti

BookCity Milano, Le sorelle sciacallo di Nicoletta Vallorani

Sabato 18 Novembre nell’ambito di Bookcity il nostro infaticabile Andrea Labanca commenterà con la sua …

La politica dell’impossibile - Stig Dagerman

La politica dell’impossibile – Stig Dagerman

La politica dell’impossibile raccoglie alcuni articoli di Stig Dagerman, un uomo che ha lottato contro le verità …

Le nostre ultime recensioni

Niente spam, solo una mail a settimana!