Mara. Una donna del Novecento - Ritanna Armeni

Mara. Una donna del Novecento – Ritanna Armeni

Mara. Una donna del Novecento di Ritanna Armeni non è un breviario della Resistenza al Fascismo, ma racconta la formazione di una ragazzina che nel fascismo crede e che vive la propria adolescenza di donna in contemporanea con il regime mussoliniano.

Mara. Una donna del Novecento di Ritanna Armeni

Per raccontare la Storia bisogna scegliere un punto di vista, uno scorcio, una feritoia. Forse non bisogna scomodare Von Hubolt e il suo dire che la Storia per capirla bisogna viverla empaticamente, accogliendola nella cornice ampia dello spirito del tempo, ma di certo possiamo affermare che per riflettere sui grandi movimenti di un’epoca bisogna riuscire a guardare fuori e dentro il flusso degli eventi, in un rapporto costante fra individuale e universale.

Soprattutto se riflettere sulla Storia vuol dire parlare del ventennio fascista, derubricato troppo in fretta da una parte e dall’altra, con un’avventatezza che, oltre ad aver fatto perdere importanti perni per costruire riflessioni critiche, ha allontanato dal tema soprattutto i più giovani.

Sono molte le ragioni per cui Mara. Una donna del Novecento mi ha colpito, e la qualità della scrittura quasi non c’entra col mio giudizio, sono i temi e le scelte concettuali ad avermi conquistato.

La prima caratteristica nel libro di Ritanna Armeni a saltare all’occhio è la mancanza di un giudico immediato, tout court, del fascismo. Non siamo nei paraggi di un breviario della Resistenza al Fascismo, stiamo raccontando al contrario la formazione di una ragazzina che nel fascismo crede e che vivrà la propria adolescenza di donna in contemporanea con il regime mussoliniano.

Il racconto di Mara, ovviamente la protagonista della narrazione, è entusiastico, a volte si fa sorprendere a soppesare, evidenzia gli aspetti positivi e sottovaluta quelli negativi.

Mara vive il suo tempo e ci cade dentro, non sa la verità a priori. In questo passaggio dialettico Mara è una donna che potrebbe votare oggi al parlamento italiano diverse forze politiche a vostra scelta con le stesse buone ragioni e gli stessi dubbi. Il paragone tra passato e presente in alcuni punti è sorprendente. Quello che salta agli occhi, come differenza fra il consolidarsi del Fascismo e il volersi espandere delle nuove autorità politiche della nostra epoca (per favore non pensate solo a Salvini), sembra essere la sola cintura di protezione della Costituzione alle istituzioni democratiche.

Riflessione storiografica

Questa scelta di raccontare gli eventi senza un giudizio immediato, ma anzi mostrandone la modernità in quel periodo storico, fa immedesimare il lettore nella scelte e nei pensieri di Mara, anche se ogni tanto fa riflettere su quanto sia difficile rimanere “fermi mentre tutto intorno fanno rumore”.

Ad una azzeccata scelta narrativa fa eco una precisa riflessione storiografica. Nel libro, Ritanna Armeni cita le storiche con cui ha lavorato e se ne sente l’esigenza visto il lavoro entusiasmante. Riprendendo la cronologia del Fascismo, infatti, lo si mostra nei suoi primi passi come una forza progressista (ahimè duole dirlo) e dirompente, eccitante. Affermare ciò è ben diverso dal dire che il fascismo ha fatto anche cose buone, o a sottovalutare la figura della Resistenza, anzi, vuol dire riportare le scelte sbagliate all’epoca in cui sono state fatte, facendone capire il lato subdolo.

D’altronde è vero che il curriculum di Ritanna Armeni, al di là della comprensione del punto di vista, aiuta molto a non sentirsi dei pansiani fuori tempo massimo. Cosa non da poco.

La ricostruzione storica, l’accesso agli archivi, le fonti, sono la forza disarmante di questo libro che riuscirà a sorprendere anche i più ferrati sul tema Fascismo. Una ricostruzione che non solo si appoggia sull’interpretazione della storia di genere, ma, nel far risalire al particolare l’universale, costruisce un libro in grado di aggiornare la panoramica su un’epoca confusa e poi buia della storia europea.

La vicenda personale di Mara, del resto, colpisce quando diventa intimità e scelta individuale, senza però cadere nel diario quotidiano come molti altri narratori fanno in maniera un po’ stucchevole.

Anche la scelta dell’età della protagonista risulta essere particolarmente interessante, sia per la possibilità di raccontare la propaganda fascista agli occhi ingenui di un’adolescente, sia per la possibilità di mostrare quale cambio epistemologico hanno dovuto compiere coloro che negli anni a venire dal fascismo hanno “inventato” la democrazia italiana.

Mara. Una donna del Novecento è un libro sorprendente che toccherà i lettori, emozionandoli. È presto per dirlo, ma viene difficile immaginare qualunque podio dedicato alla letteratura italiana senza questa pregevole opera di Ritanna Armeni.

Ritanna Armeni – Mara. Una donna del NovecentoPonte alle Grazie

Mara. Una donna del Novecento su IBS

Mara. Una donna del Novecento su La Feltrinelli

Mara. Una donna del Novecento su Mondadori

Mara. Una donna del Novecento su Libraccio

Mara. Una donna del Novecento su Amazon

Voto97%

Be the first and rate this post Rate It

Rate It

97%

Author Review

0%

Not rated yet. Users Rate

Summary:

Su Andrea Labanca

Avatar
Andrea Labanca cantautore, laureato in filosofia e performer, ha scritto tre album impregnati di letteratura. "I Pesci ci osservano" disco della settimana di Fahrenheit Rai RadioTre e "Carrozzeria Lacan" ospitato a Sanremo dal Premio Tenco. Ha collaborato con diversi scrittori (tra cui Aldo Nove e Livia Grossi) e ha lavorato come attore per Tino Seghal. Quest’anno è uscito il suo terzo album, “Per non tornare”, racconto noir-poetico in chiave elettro-vintage.

Può interessarti

Libri da asporto_ il mondo dei libri cambia, le librerie resistono, gli umani sono salvi

Libri da asporto: il mondo dei libri cambia, le librerie resistono, gli umani sono salvi

Libri da asporto mette in rete librerie indipendenti su tutto il territorio nazionale e permette …

Come la sabbia - Alice Rivaz

Come la sabbia – Alice Rivaz

In Come la sabbia, Alice Rivaz ritrae la profondità e la disperazione della vita quando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.