Home / Recensioni / Libri / Libri in disordine / Appunti per un naufragio – Davide Enia – Libro del 2017
Appunti per un naufragio - Davide Enia - Libro del 2017

Appunti per un naufragio – Davide Enia – Libro del 2017

Che Appunti per un naufragio di Davide Enia sia di buon auspicio quando guarderemo il mondo e che, come diceva una vecchia canzone di Fossati, riesca a farci sentire sempre abitanti della Terra in movimento e non piccoli proprietari terrieri intenti a controllare le rose del nostro giardino.

Un anno di letture entusiasmanti

Avevo promesso ad Estetica-Mente che avrei scritto un articolo sul mio libro preferito del 2017 e così mi sono messo a riguardare tutto ciò che ho letto quest’anno. È stato un anno ricco di letture entusiasmanti e capaci di portarmi in tanti luoghi differenti. Dalla Norvegia al Cairo, da Parigi a Lima, da Catania a Torino, dal Word Wide Web alle strade di Milano. Tanti autori con cui è stato bello scambiare parole ed idee, mi hanno donato occhi più profondi con cui guardare la nostra contemporaneità o a volte mi hanno semplicemente fatto ridere (non è poco).

Appunti per un naufragio per farsi uomo

Eppure tutto ciò è mio, spero anche vostro di chi segue questa rubrica almeno, ma  il libro dell’anno deve essere di tutti e fornirci una luce che arrivi dal passato e ci guidi durante i  prossimi mesi. Messa così la faccenda non posso che scegliere un libro fra tutti quelli di quest’anno: Appunti per un naufragio d Davide Enia.
Vi racconterò di com’è il libro, ma lasciatemi un secondo indugiare sui motivi che mi hanno portato a questa scelta. Appunti per un naufragio è un canto corale che si fa prece e raccomandazione, racconto e insieme fondazione, ritorno alle origini e costruzione della civitas.
Davide Enia, a cui mi piacerebbe dedicare molto di più che poche righe, è un uomo cha arriva dal teatro e come tale conosce il mestiere antico e faticoso del raccoglitore di storie, di sguardi, di punti di vista. E così in questo libro Enia racconta il suo viaggio nell’isola di Lampedusa, non alla ricerca di risposte che anche i politici europei hanno dimostrato di non avere, non per farsi bandiera, semplicemente per farsi uomo. Uomo del suo tempo che vuole osservare qualcosa di più grande di quello che le televisioni raccontano. Un spostamento biblico, che come tale tra centinaia di anni sarà raccontato nel libri di storia.

 Clicca qui per acquistare Appunti per un naufragio

Narrazione e speranza


Come arrivare al succo del discorso?
Come non disperdere le energie in riflessioni ideologiche o aprioristiche? Togliendo tutto, tornando alla narrazione, al teatro. Il teatro, quella del mondo, quello dei bar, quello della vita.
Così ad accompagnare Davide Enia nel suo viaggio ci sono suo Padre, suo Zio, alcuni amici e molte persone che a Lampedusa ci vivono e che tutti i giorni si sporcano le mani. Qui le idee non contano, qui è l’uomo che conta: l’uomo che incontra altri esseri umani.
Il libro si apre con una considerazione che di per sé potrebbe anche racchiudere il senso del libro:

Sai che pesce è tornato? Le spigole. … E sai perché le spigole sono tornate in mare? Sai di cosa si nutrono le spigole? Ecco.

Guardare il mondo e rendersi conto che le cose accadono anche senza il nostro consenso, senza la nostra volontà è prima di tutto un gesto di verità nei propri confronti, ed è da qui che parte la bellezza del libro di Davide Enia. L’altro filo del discorso è capire come quello che sta accadendo e arriva a me da me possa essere influenzato. Essere uomo che riflette su sé stesso e sulla propria esistenza.
Poi arriva la cronaca, quasi quotidiana, che ci racconta di solidarietà e di umanità che sconfina appunto dal piano teorico e si fa istinto, affezione, vita.
Un altro grande merito del libro è quello di riportare tutto alla fiammella della speranza ben in vista, proprio come Lampedusa “da lampas, la fiaccola che risplende nel buio, luce che sconfigge lo scuro.

Abitanti della Terra

Nell’augurarvi un Buon Anno Nuovo,  spero che questo libro possa esserci di buon auspicio quando guarderemo il mondo, come diceva una vecchia canzone di Fossati, e che ci faccia sentire sempre abitanti della Terra in movimento e non piccoli proprietari terrieri intenti a controllare le rose del nostro giardino.
Un Buon 2018 di cuore con ancora tanti libri e tante avventure da vivere.

Davide Enia – Appunti per un naufragio – Sellerio Editore

 

Clicca qui per acquistare Appunti per un naufragio

Le recensioni di EsteticaMente

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutte le nuove recensioni!
Appunti per un naufragio – Davide Enia – Libro del 2017 ultima modifica: 2018-01-03T08:00:05+00:00 da Andrea Labanca

Su Andrea Labanca

Andrea Labanca cantautore, laureato in Filosofia e performer, ha scritto due album impregnati di letteratura. "I Pesci ci osservano" è stato disco della settimana dì Fahrenheit Rai RadioTre e "Carrozzeria Lacan" è stato ospitato a Sanremo dal Premio Tenco. Ha collaborato con diversi scrittori (tra cui Aldo Nove e Livia Grossi) e ha lavorato come attore per Tino Seghal. Ora è in uscita il suo terzo album.

Può interessarti

american dust copertina

Recensione di American Dust, Richard Brautigan

C’è una categoria, applicabile a libri e persone, che definisce in modo oltremodo chiaro le …

avventure del capitano de conteras

Avventure del Capitano De Contreras di Alonso de Contreras – Recensione

Avventure del Capitano De Contreras è il diario di un avventuriero, di un soldato, di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le nostre ultime recensioni

Niente spam, solo una mail a settimana!