pagelle inter juventus 2 - 0

Serie A, pagelle Inter – Juventus: 2-0

Szczesny 6: Gli arrivano da tutte le parti e lui fa quel che può. Sono due solo per merito suo e perché Lukaku, quando le partite contano, in genere o fa autogol o combina poco e un cazzo

Danilo 6: Questa non era una serata per mettere in mostra frizzi e lazzi. Fa il suo e alla fine della fiera è uno dei pochi che si salva

Bonucci 6: Alla fine Lautaro e Lukaku non è che abbiano fatto sfracelli, ergo, la difesa ha retto bene. I problemi stasera erano tutti a centrocampo

Chiellini 6: Ci mette l’anima, ciecamente, con l’amore proprio della follia, eroico come un cardiopatico a letto con due gemelle svedesi ninfomani. Sa che prima o poi soccomberà, ma lui lotta come un matto, mettendocela tutta e arginando con coraggio quel colosso di Lukaku. È un giocatore finito? Probabilmente sì, ma se cinque o sei titolari di stasera avessero messo la metà del suo impegno, Conte a quest’ora sarebbe a strapparsi i capelli in poliestere chiuso nel beauty case di Lautaro

Frabotta 5,5: Hakimi è un’ira di dio e il povero Frabotta ce la mette tutta per arginarlo. Alla fine, a parte qualche cross concesso, non sfigura nemmeno. Va a farfalle sul secondo gol e si fa pure male

Chiesa 5,5: Il primo tempo a quanto pare lo passa correndo a cazzo di cane tra piazzale Lotto e viale Monte Rosa, poi gli spiegano dove sta San Siro e prova a essere della partita. Di buono c’è che è l’unico che riesce a mettere insieme un tiro in porta

Rabiot 4,5: La sua sfortuna più grande è che il DPCM che obbliga alla chiusura dei bar gli ha restituito un Vidal stranamente sobrio e in palla. Capisce poco e un cazzo per tutto il tempo in cui resta in campo. E forse per l’economia della partita, in campo ci è restato pure troppo

Bentancur 5: Meno peggio di Rabiot, ma stasera scegliere tra i due mi ha creato la stessa impasse che può darmi  il preferire un calcio nei denti oppure uno nei coglioni

Ramsey 5: Stasera, si veste di invisibile. Il fatto che non si faccia male è la prova provata che per 90 minuti ha camminato con le mani dietro la schiena a esaminare le buche di San Siro

Morata 5: Per il suo giudizio attingerò a piene mani dal DSM5: nel primo tempo si danna senza costrutto, come un bimbo disprattico in una cristalleria. Nel secondo tempo, semplicemente, sembra uno dei pazienti di Oliver Sacks in Risvegli, senza cura miracolosa, però.

Ronaldo 5: Cazzeggia per tutto il primo tempo, nel secondo invece si deprime e passa tutti i quarantacinque minuti a sorridere e scuotere la testa. Francamente, avrei fatto lo stesso

I subentrati:

McKennie 5,5: Prende il posto di quel cadavere di Rabiot ed è bastato un passaggio orizzontale arrivato a destinazione per fare meglio del transalpino

Kulusevski 5,5: Doveva dare la sferzata a un centrocampo più morto che vivo e il suo apporto è stato quello di somministrargli 2 cc di placebo

Bernardeschi 5: Partita per gente con i coglioni, e infatti lui stasera ha preferito fissare una seduta al Lovely Nails di viale Lunigiana per farsi dare un ritocco al semipermanente

Pirlo 5: Le assenze sono di certo un alibi, anche se parziale. Il fatto è che stasera non abbiamo mai tirato in porta, siamo stati dominati senza che gli avversari mostrassero nulla di anche solo vagamente trascendentale. La sensazione è che la solidità dell’Inter attuale -e che un tempo era il nostro marchio di fabbrica- dalle parti di Torino sia del tutto svanita. Doveva succedere eh, ci mancherebbe, però contro ‘sti qui anche no, dai. E tra tre giorni c’è il Napoli. Maronna benedetta. 

Pic by: Twitter JuventusFC

Su massimo miliani

Avatar
Ho il CV più schizofrenico di Jack Torrence, per questo motivo enunciare qui la mia bio potrebbe risultare complicato. Semplificando, per lo Stato e per l'Inpgi, attualmente risulto essere giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.