Home / Scelti per voi / Scene / La Leggenda del Pianista sull’oceano, il monologo finale
la leggenda del pianista sull'oceano Tornatore

La Leggenda del Pianista sull’oceano, il monologo finale

La Leggenda del pianista sull’oceano è tratto da Novecento, un bellissimo monologo teatrale di Alessandro Baricco, pubblicato nel 1994. Portato sugli schermi da Giuseppe Tornatore (che ha curato anche la sceneggiatura) e musicato da Ennio Morricone il film è una piccola perla per fotografia e musica, interpretato molto bene da Tim Roth, che dà il volto al protagonista Novecento. Sono tante le scene da ricordare di questo film, ne scegliamo una per tutte, il monologo finale in cui Novecento spiega a Max perché non “scenderà da quella nave” 

La trascrizione del monologo

Tutta quella città… non si riusciva a vederne la fine…
La fine, per cortesia, si potrebbe vedere la fine?
Era tutto molto bello, su quella scaletta… e io ero grande con quel bel cappotto, facevo il mio figurone, e non avevo dubbi che sarei sceso, non c’era problema.
Non è quello che vidi che mi fermò, Max
È quello che non vidi.
Puoi capirlo? Quello che non vidi… In tutta quella sterminata città c’era tutto tranne la fine.
C’era tutto.
Ma non c’era una fine. Quello che non vidi è dove finiva tutto quello. La fine del mondo.
Tu pensa a un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu lo sai che sono 88 e su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu sei infinito, e dentro quegli 88 tasti la musica che puoi fare è infinita.
Questo a me piace. In questo posso vivere.
Ma se io salgo su quella scaletta, e davanti a me si srotola una tastiera di milioni di tasti, milioni e miliardi di tasti, che non finiscono mai, e questa è la verità, che non finiscono mai… Quella tastiera è infinita.
Ma se quella tastiera è infinita allora su quella tastiera non c’è musica che puoi suonare. E sei seduto sul seggiolino sbagliato: quello è il pianoforte su cui suona Dio.
Cristo, ma le vedevi le strade?
Anche soltanto le strade, ce n’erano a migliaia! Ma dimmelo, come fate voialtri laggiù a sceglierne una.
A scegliere una donna. Una casa, una terra che sia la vostra, un paesaggio da guardare, un modo di morire.
Tutto quel mondo addosso che nemmeno sai dove finisce e quanto ce n’è.
Non avete mai paura, voi, di finire in mille pezzi solo a pensarla, quell’enormità, solo a pensarla? A viverla…
Io ci sono nato su questa nave. E vedi, anche qui il mondo passava, ma non più di duemila persone per volta. E di desideri ce n’erano, ma non più di quelli che ci potevano stare su una nave, tra una prua e una poppa. Suonavi la tua felicità su una tastiera che non era infinita.
Io ho imparato a vivere in questo modo.
La Terra… è una nave troppo grande per me. È una donna troppo bella. È un viaggio troppo lungo. È un profumo troppo forte. È una musica che non so suonare.
Non scenderò dalla nave.
Al massimo, posso scendere dalla mia vita. In fin dei conti, è come se non fossi mai nato.

La Leggenda del Pianista sull’oceano, il monologo finale ultima modifica: 2018-12-02T17:21:34+00:00 da massimo miliani

Su massimo miliani

Ho il CV più schizofrenico di Jack Torrence, per questo motivo enunciare qui la mia bio potrebbe risultare complicato. Semplificando, per lo Stato e per l'Inpgi, attualmente risulto essere giornalista.

Può interessarti

the wold of wall street scena droga

The Wolf of Wall Street, tutte le droghe di Jordan

The Wolf of Wall Street, scena droga – Se c’è un film da cui si …

trainspotting trascrizione monologo finale

Trainspotting – Il monologo finale

Il monologo che conclude Trainspotting è una dichiarazione d’intenti che Mark Renton fa verso il  …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.