Home / Recensioni / Libri / Recensioni dei lettori / “Stoner” di J. Williams: il manifesto delle angosce post-moderne – #LaReceDeiLettori
stoner di john williams

“Stoner” di J. Williams: il manifesto delle angosce post-moderne – #LaReceDeiLettori

Uno dei romanzi più acclamati degli ultimi tempi, riscoperto da poco dopo quasi 60 anni di oblio e che ora si propone finalmente compreso in tutta la sua essenza. Un buon titolo, insomma, per inaugurare lo spazio dedicato alle recensioni dei lettori

Gloria postuma

La pubblicazione del romanzo “Stoner” è stata una fortuna postuma per John Edward Williams. Uscito per la prima volta nel 1965, il libro non ottenne una grande considerazione. Sia il pubblico che la critica si astennero dal giudicare un’opera che poteva sembrare, ad occhi poco esperti, noiosa e monocorde.

La prosa, invece, è precisa e chirurgicamente netta nell’evidenziare le peculiarità caratteriali del protagonista, il professor W. Stoner. Secondo una critica più moderna, operata dal biografo Charles J. Shields, il personaggio di Stoner e la figura di Williams hanno molto in comune. Questa formulazione parallela, effettuata dall’autore mediante un uso assai consapevole della lingua inglese, vuole evidenziare una vena profetica che lega il romanziere all’opera: queste due entità, legate dal vincolo della somiglianza, sono diametralmente differenti.john edward williams

Stoner è un uomo comprensivo, pacato, perseverante ed affabile, un personaggio dallo spiccato senso del dovere. J. Williams, invece, era un uomo caparbio, dal carattere duro e mosso dal maniacale desiderio d’essere riconosciuto come artista. Non è casuale, quindi, che l’autore faccia cadere il personaggio – anch’esso scrittore di un libro – nell’oblio totale.
Secondo il succitato biografo Shields, l’opera di J. Williams è un romanzo perfetto, che analizza con complessità e precisione le linee generali e fondamentali del senso della noia, affrancata solamente da un amore adultero, compiuto nell’accademica e sensuale segretezza di un appartamento di un’assegnista dell’Università del Missouri. La vita di questo personaggio, a tratti monolitico e a tratti scisso, rende evidente il significato dell’alienamento, mostrando come il senso del tempo che scorre possa pesare sulle spalle di un uomo convinto delle proprie idee e perseverante nel suo lavoro.

L’opera venne ripubblicata due volte negli US: la prima volta dalla casa editrice Penguin, all’interno della collana “Vintage Classics” (per altro, casa editrice che ha ripubblicato le opere del must T. Pynchon) nel 2003, e successivamente dalla “New York Review of Books Classics” nel 2006.
In Italia l’opera giunse con un ritardo sessantennale, pubblicata per la prima volta da Fazi Editore nel 2012. Il romanzo ottenne un ottimo successo, garantendo all’autore la tanto agognata fama. Bisogna tenere a mente che Williams era terrorizzato dalla dimenticanza della gente, e lottò strenuamente in vita per poter essere ricordato come uno dei grandi della letteratura americana contemporanea.

Recensione a cura di Matteo Bona
Matteo Bona nasce ad Asti, il primo di gennaio del 1997. 
Si diploma al Liceo Scientifico Statale Francesco Vercelli, con l’opzione Scienze Applicate. Attualmente studia all’Università degli Studi del Piemonte Orientale, nella Facoltà di Lingue Moderne Straniere e Letterature Contemporanee (Dipartimento di Studi Umanistici). Pubblica la sua prima silloge nel marzo del 2015, recante il titolo di Oltre la Poesia. Viene segnalato in numerosi concorsi, tra cui: Premio Letterario Internazionale di Poesia, Narrativa e Saggistica Priamar (Sezioni: Poesia Inedita e Narrativa Inedita; Anni 2016 & 2017), Premio Letterario Ambiart ed il Premio Letterario Internazionale di Poesia, Narrativa e Giornalismo Castel Govone (Sezione: Poesia Inedita; Anni: 2015 & 2016). Si classifica al III posto al Concorso Mario dell’Arco XX Edizione (Sezione: Arti Figurative) e riceve il prestigioso Premio Accademico Internazionale di Poesia ed Arte Contemporanea Apollo Dionisiaco nell’A.A. 2016 (II posto per la Poesia Inedita). 
Nel gennaio del 2018 pubblica una raccolta di poesie e prose, recante il nome di Il senso del nulla (Montedit).

Voto complessivo

Voto - 80%

80%

User Rating: Be the first one !
“Stoner” di J. Williams: il manifesto delle angosce post-moderne – #LaReceDeiLettori ultima modifica: 2018-04-05T06:07:14+00:00 da Redazione

Su Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.