Giorgio Agamben Jean-Baptiste Brenet - Intelletto d’amore - Quodlibet

Giorgio Agamben, Jean-Baptiste Brenet – Intelletto d’amore – Quodlibet

Giorgio Agamben, Jean-Baptiste Brenet
Intelletto d’amore
Quodlibet


80 pagine, 12,50 euro

In libreria dal 16 gennaio


Ciascuno dei due testi che, attraverso un fitto intreccio di rimandi e implicazioni, disegnano la trama del libro, è una meditazione sul fantasma come luogo e soggetto dell’amore. E lo fanno mettendo a confronto in una prospettiva inedita due eccezionali personaggi: Guido Cavalcanti, il «primo amico» di Dante e maestro ineguagliato della fenomenologia amorosa, e Ibn Rushd, l’Averroè dei Latini, il filosofo arabo che ha più profondamente segnato il pensiero occidentale dal XIII al XV secolo.
E se, per entrambi, la congiunzione con l’intelletto unico nomina la felicità suprema, è la funzione del fantasma che si rivela ogni volta decisiva. In che modo i pensieri ci appartengono, come può un’idea diventare «mia»? È il fantasma – rispondono il poeta e il filosofo – che, mediante il desiderio, rende il pensiero proprio a un soggetto. Ma, per Cavalcanti, il fantasma deve perire perché la congiunzione amorosa abbia luogo e l’individuo sopravvive solo come un automa «fatto di rame o di pietra o di legno»; per il filosofo, invece, è la specie umana nel suo insieme il soggetto – anche politico – della felicità suprema.

Acquista su IBS

Acquista su Amazon

Su Redazione

Avatar

Può interessarti

Hermann Broch - I sonnambuli - Adelphi

Hermann Broch – I sonnambuli – Adelphi

Hermann BrochI sonnambuliAdelphi230 pagine, 20 euroIn libreria dal 20 febbraio Traduzione di Ada ViglianiCon un …

Richard Yates - Il vento selvaggio che passa - Minimum Fax

Richard Yates – Il vento selvaggio che passa – Minimum Fax

Richard YatesIl vento selvaggio che passaMinimum Fax508 pagine, 19 euroIn libreria dal 27 febbraio Michael …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.