Aumenta il potere d’acquisto delle famiglie italiane

L’Istat ha rilevato che il potere di acquisto delle famiglie è aumentato nel 2015 dello 0,8%. È il primo rialzo dal 2007, anno dello scoppio della crisi.  La propensione al risparmio delle famiglie resta però costante al 8,3%, rispetto al 2014.  La pressione fiscale del 2015 al 43,5%, in calo di 0,1 punti su base annua ma in rialzo di 0,2 punti sulla stima precedente.  La correzione, spiega, è dovuta alle “risorse affluite dal sistema bancario italiano al Fondo Nazionale di Risoluzione (2,3mld)” nell’ambito del Salva-banche, registrate come “imposte indirette”, mentre “i fondi trasferiti dal Fondo stesso per coprire le perdite delle banche commissariate (circa 1,7 mld) sono stati contabilizzati all’interno delle uscite in conto capitale”.

Su Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.