Bollo auto, con la domiciliazione bancaria si risparmia il 10%

A partire dal 1 gennaio 2017 tutti i cittadini lombardi proprietari o locatari di veicoli e intestatari di un qualsiasi conto correte potranno scegliere di pagare il bollo auto e moto tramite domiciliazione bancaria. Il pagamento avviene l’ultimo giorno utile e in modo del tutto automatico, risparmiando inoltre il 10% sul dovuto

A partire dal 1 gennaio 2017, in Lombardia sarà possibile pagare il bollo auto e moto in modo automatico attraverso la domiciliazione bancaria, risparmiando il 10% di quanto dovuto. La nuova formula di pagamento è aperta a tutti i cittadini lombardi proprietari o locatari di veicoli: l’unico presupposto ovviamente necessario è quello di essere intestatari di un conto corrente (di qualsiasi banca, non fa differenza), sul quale sia possibile avviare la procedura. La domiciliazione potrà comunque essere attivata da una persona anche per conto di altri soggetti, come il coniuge, i figli o i nipoti.
Come funziona: il pagamento avviene l’ultimo giorno utile e in modo del tutto automatico. Anziché l’avviso di scadenza, al cittadino cha ha scelto la domiciliazione bancaria sarà inviata una mail utile semplicemente a ricordare che il pagamento sta per essere formalizzato. Nient’altro, tutto avviene in automatico. La procedura (e il relativo sconto del 10%) rimane la stessa  anche negli anni a seguire, a meno che, ovviamente, il contribuente non decida di interrompere tale formula di pagamento per tornare a quella tradizionale, perdendo così lo sconto.
“Niente più code agli sportelli o tempo perso online, il pagamento potrà avvenire senza bisogno di muovere un dito e pagando una cifra ridotta. Per una ipotetica spesa di 200 euro, il risparmio netto sarà pari a 20 euro. Regione Lombardia fa da apripista, attivando una modalità di pagamento, associata a una forma di premialità, che non è mai stata sperimentata in ambito fiscale. Si tratta di un vero e proprio sconto sulle tasse, teso a premiare i comportamenti virtuosi, che potrebbe aprire nuovi scenari di pagamento per i contribuenti di tutta Italia.” ha spiegato il Presidente di Lombardia Informatica, Davide Rovera.
La nuova formula di pagamento è stata resa possibile grazie a un progetto della Regione Lombardia realizzato con la collaborazione tecnica di Lombardia Informatica, che stima di recuperare (o almeno compensare) le minori entrate conseguenti alla riduzione del 10%  con i risparmi gestionali legati sia alla riduzione delle attività di recupero nei confronti degli insolventi sia alla digitalizzazione delle attività di comunicazione.
Per maggiori informazioni e per aderire alla nuova formula, ecco il link a www.tributi.regione.lombardia.it

Su Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.