Site icon EsteticaMente

Adelphi

Adelphi

Carta d’identità

L’Adelphi è una casa editrice italiana fondata nel 1962. Venne fondata a Milano nel giugno 1962 da Luciano Foà e Roberto Olivetti. Ha annoverato tra i suoi collaboratori Roberto Bazlen, Giorgio Colli, Sergio Solmi, Claudio Rugafiori, Franco Volpi e Roberto Calasso.

Sul finire del 1965 Carlo Frassinelli cedette la sua casa editrice e l’intero catalogo (un centinaio di titoli) all’Adelphi Edizioni, sotto la presidenza di Luciano Foà. Il catalogo Adelphi 1968 comprendeva tutte le opere giacenti delle maggiori collane Frassinelli. Nel settembre 1982, il marchio Frassinelli fu ceduto al gruppo Sperling & Kupfer Editori di Tiziano Barbieri Torriani.

Calasso ha in seguito assunto la guida della casa editrice come direttore editoriale dal 1971, consigliere delegato dal 1990, presidente dal 1999. Nel 2006 il 48% di Adelphi era di proprietà del Gruppo RCS. Il 4 ottobre 2015, in seguito alla vendita della divisione libri di RCS alla Mondadori, è stato annunciato che Roberto Calasso eserciterà un’opzione di riacquisto del 58% dell’Adelphi, uscendo dal gruppo, diventando azionista del 71% del capitale; i soci di minoranza sono Francesco Pellizzi e Elisabetta Zevi.

Novità Adelphi

L’ultima cosa bella sulla faccia della terra – Michael Bible

L’ultima cosa bella sulla faccia della terra di Michael Bible incanta per la poesia intrisa di dolore e la semplicità con cui è esposta senza alcun fronzolo, senza alcun artificio. Alcune parole scelte per la simbolicità, oltre che per il significato, funzionano da pietre magiche che comunicano con precise sinapsi che rendono il racconto a …

0 comments

Piante che cambiano la mente. Oppio, caffeina, mescalina – Michael Pollan

Piante che cambiano la mente. Oppio, caffeina, mescalina di Michael Pollan conduce un’indagine sia storica che chimica alla ricerca delle sostanze che con maggiore successo hanno accompagnato la storia dell’uomo, cercando i punti di contatto fra l’evoluzione della storia e la capacità di una specifica pianta di adattarsi all’epoca in corso. Piante che cambiano la …

1 comment

Curzio Malaparte, La pelle di Napoli e (dei napoletani) tra incanto e oscenità

La Pelle di cui parla Curzio Malaparte è quella che Napoli e i napoletani cercano di salvare al termine della seconda guerra mondiale, quando tra le macerie fisiche e soprattutto morali si cerca di sopravvivere convivendo con la meschinità, la mancanza di nobiltà portata dalla sconfitta

1 comment

Recensioni Adelphi

L’ultima cosa bella sulla faccia della terra – Michael Bible

L’ultima cosa bella sulla faccia della terra di Michael Bible incanta per la poesia intrisa di dolore e la semplicità con cui è esposta senza alcun fronzolo, senza alcun artificio. Alcune parole scelte per la simbolicità, oltre che per il significato, funzionano da pietre magiche che comunicano con precise sinapsi che rendono il racconto a …

0 comments

Piante che cambiano la mente. Oppio, caffeina, mescalina – Michael Pollan

Piante che cambiano la mente. Oppio, caffeina, mescalina di Michael Pollan conduce un’indagine sia storica che chimica alla ricerca delle sostanze che con maggiore successo hanno accompagnato la storia dell’uomo, cercando i punti di contatto fra l’evoluzione della storia e la capacità di una specifica pianta di adattarsi all’epoca in corso. Piante che cambiano la …

1 comment

Curzio Malaparte, La pelle di Napoli e (dei napoletani) tra incanto e oscenità

La Pelle di cui parla Curzio Malaparte è quella che Napoli e i napoletani cercano di salvare al termine della seconda guerra mondiale, quando tra le macerie fisiche e soprattutto morali si cerca di sopravvivere convivendo con la meschinità, la mancanza di nobiltà portata dalla sconfitta

1 comment
Exit mobile version