Cuori di waffel di Maria Parr

Cuori di waffel di Maria Parr

Cuori di Waffel di Maria Parr è un libro fatto di pagine leggere, delicate che non tralasciano di raccontare le asperità di una vita; si parla di morte, di guerra, del senso di ingiustizia, della vecchiaia, di quelle scelte prese dai genitori che non si condividono o comprendono

Una corda, un pollo in volo (probabilmente una menzione d’onore dell’illustratore Bo Gaustad alla povera gallina n.7, trafugata da un fienile per poi finire gettata in cielo da un bob lanciato a velocità indicibile) e la motocicletta del nonno, che «ha pressappoco l’aspetto di un triciclo all’incontrario», sono solo alcune tracce di copertina delle mirabolanti avventure di Lena e Trille, protagonisti indiscussi di Cuori di waffel di Maria Parr per la casa editrice Beisler.

Il libro, uscito in Italia nel 2014 nella traduzione di Alice Tonzig, vanta tantissimi premi e la ragione sta tutta nelle irragionevoli avventure dei due amici  (così le tacciano i “grandi”) uscite dall’intuito letterario di un’autrice che conosce bene il mondo dell’infanzia essendo stata per anni anche un’insegnante.

Cuori di waffel, la trama

La piccola baia di Martinfranta è il regno dei due protagonisti che vengono raccontati attraverso le loro peripezie, all’incirca quotidiane, nell’arco di un anno.

Lena e Trille hanno quasi nove anni, sono vicini di casa (solo una siepe li separa), Lena ha una mamma e non un papà (nonostante sostiene che in cantina spazio per una persona in più ci sarebbe), mentre Trille ha una mamma, un papà, due sorelle, un fratello, un nonno e una zia-nonna (che altro non sarebbe che la sorella del nonno ovvero una nonna di riserva): i rispettivi affetti sono però condivisi a tal punto da sembrare una grande famiglia allargata, dal taglio moderno, sia nella buona che nella cattiva sorte.

Il nonno e la zia-nonna, con i suoi dolci cuori di waffel, sono i soli adulti spesso complici di pomeriggi indimenticabili, segreti da celare e storie da raccontare perché il resto dei grandi sembra invece essere all’oscuro delle idee rivoluzionarie dei due amici, se non fosse che sono proprio loro a doverli puntualmente tirare fuori dai guai, pur lasciandoli liberi di esplorare.

I rami di un albero di cedro, affacciato sulla baia, sono lo spazio destinato da Lena e Trille alle riflessioni, ai progetti, alle domande, alle confidenze e forse è proprio su quell’albero che si gioca l’intimità di un’amicizia fanciulla, ma profonda, di un legame che non ha bisogno di parole per essere detto. Trille probabilmente avrebbe da ridire al riguardo poiché insegue instancabilmente il desiderio di sentirsi dire da Lena di essere il suo migliore amico quando lei, invece, tende a ricordarglielo semplicemente attraversando quel buco nella siepe, il non confine tra le loro due abitazioni, e andare da lui.

Maria Parr scorre leggera tra infanzia e asperità della vita

Sono pagine leggere, delicate che non tralasciano di raccontare le asperità di una vita; si parla di morte, di guerra, del senso di ingiustizia, della vecchiaia, di quelle scelte prese dai genitori che non si condividono o comprendono, quasi a ricordarci che il mondo dell’infanzia non deve essere sempre edulcorato da argomenti ritenuti tabù. La scrittura della Parr accompagna così i giovani lettori nelle terre impervie del non detto con una morbida naturalezza che rinfranca e non smette di offrire punti di vista sempre nuovi.

Anche la spiritualità, che caratterizza i bambini senza essere declinata in una fede dichiarata, viene tenuta da conto e trova spazio in un quadro che rappresenta Gesù intento a salvare un agnellino sull’orlo di un precipizio e che, come racconta la zia-nonna, preserva dalla paura. Il dipinto diviene poi merce di scambio tra i due amici e rappresenta un indiscusso amuleto contro un’inquietudine bambina che non trova parole, ma che spesso abita i loro cuori e pensieri.

Un romanzo ricco di punti di ancoraggio per tutte le sensibilità, ma soprattutto per quelle domande che attraversano l’essere bambini, ma di cui a fatica ne teniamo memoria.

Cuori di waffel, spunti didattici

Spunti didattici: Cuori di waffel è la seconda lettura, dopo Clorofilla dal cielo blu, che ho scelto di condividere a puntate, grazie a delle audioletture con le classi III, IV e V della scuola primaria in cui lavoro. A seguire abbiamo aperto un dibattito libero attorno al libro e a tutte quelle questioni custodite in esso.

Accompagnare i giovani lettori ad una lettura verticale, cioè attenta alla profondità, piuttosto che alla linearità del racconto è un modo, tra tanti, per incoraggiarli a relazionarsi con il libro come se fosse un amico e a portarlo con loro una volta chiuso e posato sul comodino.

Lo consigliamo a…chi vorrebbe chiacchierare su di un albero ma non ha il coraggio di salirci, a chi non sa cosa sono i cuori di waffel e a chi pensa che tutelare i bambini equivalga a tenerli lontani dal farsi delle domande.

Dove comprare Cuori di waffel

Acquista il libro a 13 euro su IBS                             

Acquista il libro a 12,35 euro su Amazon                       

Prenota il libro su La Feltrinelli                             

Acquista il libro a 13 euro su Il Libraccio

 

Il voto di Linda Geninazza - 97%

97%

User Rating: Be the first one !

Su Linda Geninazza

Linda Geninazza
Non vi dirò, almeno subito, cosa faccio, ma da dove arrivo; credo le radici contino più della chioma che a volte, almeno la mia, è dritta, a volte mista, a volte curva, mentre laggiù, agli inizi, poco cambia, tutto si irrobustisce. Cusino, non cercatelo su Google Maps perché non vedrete altro che un rosso segnaposto abbandonato nel più fitto verde, lì sono cresciuta e lì ci tornerò. Ora abito il grigio-perla di Milano, altra spina nel cuore, qui vivo e ci resterò. Dimezzata tra due terre non di mezzo, questa sono io.

Può interessarti

Huckleberry Finn - Mark Twain

Le avventure di Huckleberry Finn – Mark Twain

Le avventure di Huckleberry Finn di Mark Twain, l’età e il numero di pagine non …

Moabi - Mickaël El Fathi

Moabi – Mickaël El Fathi

Moabi di Mickaël El Fathi ci mostra, attraverso parole delicate e importanti, il tema del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.