Site icon EsteticaMente

#MarteGP – GP Silverstone 2021, il dominio di Quartararo

Quest’anno si è tornati a Silverstone. O meglio team, piloti e addetti ai lavori sono tornati, io ero – come sempre quest’anno – a casa a lavorare e mi veniva in mente continuamente la mia trasferta inglese di due anni fa. Le rotonde che venivano prese al contrario, il freddo pungente, la campagna inglese, l’enorme parcheggio strapieno di macchine, la sala stampa nuova, il rettilineo proprio lì davanti e quegli ottimi cappuccini con il latte d’avena. Cosa che a momenti non si trovano neanche in Italia. Insomma, se non inizio il blog con i momenti nostalgici, non sono contenta.

Se due anni fa il Gran Premio inglese di Fabio Quartararo durò neanche un giro, quest’anno lo ha vissuto da protagonista, complice il grande passo in avanti fatto, che sa di maturità e consapevolezza. El Diablo ha stravinto, ha messo un punto, ha dimostrato ancora una volta di essere il pilota da battere. E la sua reazione al parco chiuso, forse anche un pelino esagerata, fa capire tutta la pressione che aveva sulle spalle. Battere questo Quartararo è davvero, davvero difficile.

Se poi ci si mettono altri problemi, che i piloti in primis non possono controllare, allora si fa tutto ancora più in salita. Sto parlando di Joan Mir e Francesco Bagnaia (tra gli altri), che non hanno potuto svolgere la gara che si aspettavano e che sono precipitati in campionato. Ora è dura, inutile negarlo, ma sarà uno spettacolo vederli più impegnati che mai a recuperare. Ma torniamo alla gara: chi non si è commosso a vedere il podio di Aleix Espargarò? Siate sinceri! Io, ovviamente, non posso negarlo. Sarò romantica, ma è stato proprio il capitolo di una bella storia. Aleix quel podio lo voleva con tutto sé stesso e nel duello con Miller è stato grande. Aprilia ha così conquistato il primo podio in MotoGP, un avvenimento storico che racconteremo ai più giovani e di cui potremo dire di essere stati, in qualche modo, i testimoni.

Ma quello non è stato l’unico momento della giornata in cui mi sono emozionata. Qualche ora prima, infatti, il podio della Moto3 ha regalato grandi emozioni con un Romano Fenati impeccabile, un Niccolò Antonelli incredibile e un Dennis Foggia che all’ultimo giro non ha voluto sentire ragione di lasciare il terzo posto a Guevara. Complimenti a tutti e tre, che al parco chiuso hanno dato dimostrazione di sportività e rispetto. Vedere le tre bandiere italiane sul podio è stato un ottimo inizio di giornata, e i miei vicini di casa vi ringraziano!

E dopo averla letta, è il momento di guardarla. Eccovi la Zunino con il suo collega Brunori in questo bel video riassuntivo del GP appena passato e di tutte le novità MotoGP di questi giorni. Buona visione!

 

Exit mobile version