Home / Recensioni / Film / La tartaruga rossa – Un film sulla natura, l’amore, la libertà
frame del film la tartaruga rossa

La tartaruga rossa – Un film sulla natura, l’amore, la libertà

 

Un naufrago si ritrova su un’isola deserta. E inizia la sua avventura per la sopravvivenza. L’inizio non è certo dei più originali. Di certo lo è però la scelta di raccontare questa storia con un film d’animazione, che per di più non usa parole. Perché non servono parole, davanti alla bellezza della Natura e alla sua poesia.

Ed è proprio per questo che il film di Michael Dudok De Wit, candidato al premio Oscar come miglior film d’animazione, non ha nulla da temere dal confronto con ben più illustri storie di naufraghi e naufragi. La trama ha la stessa potenza del mare. A volte la vita sull’isola si svolge con la serenità di un mare piatto. Talvolta con la sua stessa angosciante inerzia. Altre volte l’animo del naufrago è un mare in tempesta: rabbioso e distruttivo. Ed è il mare, coi suoi flussi e le sue risacche, con ciò che dona e ciò che toglie, il vero protagonista di questo racconto fantastico. Il mare: simbolo dell’immensa potenza della Natura, davanti a cui l’uomo nulla può, se non accettarla e onorarla. È una storia dal profondo valore simbolico, dove vita e morte coesitono, amore e libertà non sono in conflitto e dove tutto è ciclico, come la Natura, se la vogliamo ascoltare, insegna e dimostra. È un film d’animazione adatto forse più agli adulti che ai bambini, che non risparmia una certa crudezza, come del resto fa la vita, a volte. Ma può essere senz’altro apprezzato anche dai bambini, quelli un po’ più grandi, per la bellezza dei disegni e perché, dopotutto, racconta di una Natura selvaggia e incontaminata che molti di loro – e di noi – non avranno mai l’occasione di vedere di persona.

Acquista su Amazon.it

La tartaruga rossa – Un film sulla natura, l’amore, la libertà ultima modifica: 2017-05-18T07:41:12+00:00 da Stefania Giudici

Su Stefania Giudici

Scorpione ascendente Ariete: mescolo acqua e fuoco in tutto ciò che faccio. A volte divampa un incendio, a volte è acqua profonda. Non voglio parlare di me, preferisco scrivere. Tra le righe ci sono comunque io, ma mi piace non darlo a vedere. Amo i gatti, ballare, la luna piena.

Può interessarti

La grande scommessa: un film che piace, anche se non ci capisci niente di banche

Tanto è inutile che scriva domattina. Tanto di quelle cose lì, di banche, investimenti, obbligazioni, …

Il ponte delle spie, che è un ponte di uomini

Il ponte delle spie. Un film narrato che sceglie i temi da trattare e li …